**Energia: Dbrs, impressionanti progressi Italia su diversificazione, cruciale impegno politico**

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 7 set. – (Adnkronos) – "I progressi dell'Italia nella diversificazione delle forniture di gas finora sono impressionanti. Resta da vedere se l'impegno politico potrà rimanere forte date le prossime elezioni". Lo spiega Carlo Capuano, Senior Vice President dell'agenzia di rating Dbrs Morningstar, in una analisi sul piano energia elaborato dal governo Draghi, definito "credibile". Il piano – ricorda l'agenzia – ""mira a rendere l'Italia completamente indipendente dal gas russo nel 2025" ma "non elimina del tutto i rischi a breve termine e potrebbe subire rallentamenti" anche a causa di un possibile "debole supporto politico.

Per l'Italia, spiega Dbrs, "andare avanti con il piano, compreso un aumento dei livelli di stoccaggio del gas, è fondamentali per limitare il rischio di una carenza di gas nel prossimo inverno e all'inizio della primavera". Secondo stime dell'agenzia il nostro paese nei primi otto mesi del 2022 avrebbe già sostituito i circa 9,3 miliardi di metri cubi persi di forniture russe di gas , mantenendo le importazioni totali intorno ai 49,1 miliardi di metri cubi, livello simile a quello nello stesso periodo del 2021. Da inizio anno, la Russia ha rappresentato solo il 21% circa delle importazioni totali italiane di gas, rispetto al 40% dell'anno scorso.

A breve termine, conclude l'agenzia, "un maggiore utilizzo del carbone, livelli di riscaldamento più bassi e tariffe più elevate, insieme a una campagna di sensibilizzazione, possono attenuare i rischio di carenza di gas in settori industriali chiave".