Energia: fonti P.Chigi, segnali incoraggianti da Ue su price cap, avanti con sostegni

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 2 set. (Adnkronos) – "Sono settimane che notiamo la volontà dell'Europa di agire con più decisione, una maggiore disponibilità sia sul tetto massimo al prezzo del gas che sulla partita per 'sganciare' il prezzo del gas da quello per l'energia elettrica", al fine di combattere il caro bollette. Le parole della presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen -che si è detta fermamente convinta sui tempi ormai maturi per introdurre un price cap in Europa- vengono lette da Palazzo Chigi come "incoraggianti", anche se l'atteggiamento degli uomini più vicini al premier Mario Draghi resta improntato alla prudenza: "ora bisogna attendere gli esiti del Consiglio europeo straordinario dei ministri dell'Energia, il prossimo 9 settembre, e lì vedremo se ci saranno progressi…".

La partita del tetto al prezzo del gas, da sempre caldeggiata dall'Italia, non andrà ad incidere in alcun modo, spiegano le stesse fonti all'Adnkronos, con il nuovo decreto aiuti che il governo si appresta a varare la settimana prossima. "Non c'è una condizionalità – viene puntualizzato – si procede su tutti e due i fronti, con la massima attenzione sull'uno e sull'altro dossier. Al ministero dell'Economia va avanti il lavoro sulle risorse per finanziare i nuovi sostegni", mentre in Europa l'Italia è pronta a dare battaglia -il titolare della Transizione ecologica Roberto Cingolani sarà a Bruxelles già lunedì- per portare a casa il risultato del price cap.