Energia: Gasparri (Fi), 'governo agisca subito su costi senza attendere esito elezioni'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 26 ago. (Adnkronos) – “Il governo deve agire con immediatezza sul fronte dei costi energetici. Non si può certo attendere l'esito delle elezioni. Il sistema produttivo sta lanciando un drammatico allarme che impone iniziative immediate, con stanziamenti ingenti per consentire di affrontare l'esorbitante aumento dei costi". Lo dichiara il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri.

"Ovviamente – aggiunge – servono poi anche iniziative politiche a livello internazionale. Ma intanto bisogna agire sul mercato interno. Non c'è soltanto il grido d'allarme del settore industriale e del settore del commercio, che ha parlato con chiarezza attraverso i presidenti Bonomi e Sangalli. Bisogna pensare anche a tutto il settore del turismo e del sistema termale, fondamentali per l'economia Italiana, che proprio per la sua specificità sta affrontando costi insostenibili e propone il credito di imposta pari al valore dei maggiori costi energetici. Pertanto, accanto agli appelli di Confindustria, di Confcommercio, di Confesercenti e di tante altre organizzazioni, dobbiamo ricordarci delle ricadute che riguardano anche il settore agricolo e quello del turismo e delle terme che proprio quest'anno hanno sperato in una possibilità di rilancio".

"Questo costo dell'energia, come ha giustamente detto il presidente di Federterme Caputi, si sta rivelando addirittura peggiore del covid e pare condivisibile la sua proposta di assegnare alle strutture funzionanti nel periodo ottobre-marzo prossimi un credito di imposta da utilizzare per compensare oneri sociali, quindi in particolare per città come Roma, per la montagna, per le terme. Agire subito. Questo chiede Forza Italia al governo Draghi", conclude il senatore Gasparri.