Energia: Malpezzi, 'appelli ipocriti a Draghi da chi lo ha fatto cadere'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 31 ago. (Adnkronos) – “Il Pd da tempo denuncia la gravità della crisi che stiamo affrontando. Ed è proprio la gravità della crisi, nota a tutti i partiti, la ragione profonda per cui sconsigliavamo alle altre forze di maggioranza di mettere in difficoltà o a rischio il governo". Così la senatrice del Pd Simona Malpezzi questa mattina a Omnibus su La7.

"Noto – dunque – una certa ipocrisia da parte di chi ha fatto cadere il governo e ora gli sta chiedendo a gran voce di agire con misure forti. Ricordo a Salvini e Meloni, che forse non lo sanno, che il Parlamento è aperto e le commissioni lavorano al Senato sul decreto aiuti bis. Sapevamo benissimo tutti quanto fosse già allora drammatica la crisi e come Pd segnalavamo quanto fosse importante avere un governo autorevole nel pieno delle sue funzioni per affrontare quei problemi che già c'erano e che si sarebbero acuiti in autunno. Un appello rimasto inascoltato".

"Il governo ha stanziato quasi 50 miliardi per dare risposte a cittadini e imprese e, nel frattempo, Draghi ha lavorato in Europa per il tetto al prezzo del gas, una misura difficile a cui l’Italia per prima ha creduto. Oggi che finalmente si apre qualche spiraglio, l'Italia è azzoppata perché Lega, FI e M5S hanno deciso di far cadere il governo di unità nazionale e la Meloni non lo ha mai sostenuto. La Meloni – che oggi invoca l'unità per risolvere i problemi, dopo che per mesi ha evitato di collaborare solo per raccogliere consenso – è davvero poco credibile”.