Energia, riduzione dei consumi è già realtà per molte aziende del design

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·3 minuto per la lettura

Ai tempi del Covid-19, risparmiare energia significa compiere un gesto concreto a favore dell’intero genere umano, dando l’assoluta priorità alla salute del pianeta e al benessere delle persone. La Giornata internazionale del risparmio energetico, che ricorre domani, 18 febbraio, in questo senso, rappresenta un'occasione per rimarcare la volontà di adottare comportamenti più sostenibili, rispettosi dell’ambiente e in grado di migliorare la qualità della vita degli individui. Nel 2020, anche grazie agli effetti negativi del Coronavirus, la domanda di energia elettrica in Italia è calata del 20%, mentre l’utilizzo di energia pulita derivante da fonti rinnovabili appare in continuo aumento. Questo trend, orientato sempre più alla razionalizzazione dei consumi energetici, è già stato intercettato con successo anche da alcuni dei migliori brand di design presenti in Italia, attraverso l’attivazione di nuovi strumenti con cui modellare il futuro eco-sostenibile dell’azienda.

Molti brand del design si stanno già convertendo al fotovoltaico: ne è un esempio l’azienda emiliana Ceramiche Refin, specializzata nella produzione di rivestimenti e superfici in grès porcellanato, che ha installato un impianto fotovoltaico capace di contenere i consumi energetici e di ottimizzare i processi industriali. Un altro specialista emiliano della ceramica, Terratinta Group, ha in programma l’installazione di un impianto fotovoltaico e l’applicazione di un rivestimento a cappotto, con l’obiettivo di ridurre gli sprechi di energia nelle diverse fasi di produzione. Anche il Gruppo Fontanot, punto di riferimento internazionale nella produzione di scale di design, è già al lavoro per l’attivazione di pannelli fotovoltaici da 400 kw con cui migliorare la propria produttività.

Il risparmio energetico passa anche dal recupero delle materie prime, come il legno. Ne è consapevole Listone Giordano, brand del Gruppo Margaritelli specializzato nei pavimenti di design d’alta gamma, che nel suo stabilimento di Miralduolo (in Umbria) recupera i residui di legno non utilizzati per trasformarli in nuove creazioni, consumando anche meno energia. Nel territorio in cui nascono i pavimenti in legno destinati ad arredare le case più belle del mondo, la sostenibilità e il risparmio delle energie sono formidabili alleati nella produzione di eccellenze di design.

Un altro brand attivamente impegnato nel recupero virtuoso del legno è Carl Hansen & Søn, storica azienda danese specializzata nella produzione di sedie e creazioni di design per indoor e outdoor, che riutilizza gli avanzi lignei per dare vita a nuovi elementi d’arredo con cui arricchire la propria offerta. Il brand riserva una fetta consistente dei suoi investimenti per l’acquisto di attrezzature moderne dal punto di vista energetico, fissando obiettivi annuali per la progressiva riduzione di energia impiegata nella produzione. Da un attento controllo dei consumi possono nascere nuovi modelli operativi in grado di ottimizzare la gestione dell’energia. Con l’ottenimento della certificazione Iso 50001, l’italiana Gruppo Sabaf, tra i leader europei nel settore della componentistica per elettrodomestici, ha potuto potenziare sensibilmente i propri sistemi di gestione aziendale, abbassando i costi legati al consumo d’energia e monitorandone efficacemente l’utilizzo.

Un altro brand particolarmente attento al controllo dei consumi è Sinetica Industries, parte del Gruppo Mig-Mezzalira Investment Group Spa, specializzato nell’arredo da ufficio. Per la realizzazione delle sue scrivanie Love, l’azienda non si è infatti limitata a scegliere materiali durevoli e rispettosi dell’ambiente, ma ha anche impiegato una tecnologia laser di ultima generazione che rende possibile un’effettiva riduzione dei consumi, in particolar modo di energia elettrica, realizzando così pienamente un modello produttivo basato sul risparmio energetico.

Riqualificare uno spazio è complesso ma alla lunga porta un giovamento sia dal punto di vista economico e sociale. Il brand Talenti, eccellenza nel settore dell’outdoor, ha recuperato l’area dismessa dell’ex pastificio Federici trasformandola in una sede produttiva dove l’attenzione al consumo energetico sostenibile è diventata una priorità. Dagli infissi a taglio termico alle tamponature termiche nel nuovo showroom, fino alla riconversione del sistema di illuminazione: piccoli passi non scontati e che contribuiscono al risparmio delle risorse del pianeta.