Energia, Savini: inconcepibile tassa extraprofitti su cooperative

featured 1607476
featured 1607476

Roma, 12 mag. (askanews) – La normativa sulla tassazione degli extraprofitti delle aziende energetiche non tiene in considerazione la specificità delle realtà cooperative, e “per certi versi, a tal riguardo, potrebbe rivelarsi anche con profili di incostituzionalità”. E quanto ha affermato Roberto Savini, presidente di Confcooperative Consumo e Utenza, nel corso della relazione di apertura all assembla annuale della federazione. “Per confcooperative la tassazione degli extraprofitti è un qualcosa di inconcepibile – dice il presidente di Confcooperative Consumo e Utenza Roberto Savini – Il sistema cooperativo si basa sul fatto che i profitti non sono dividendi, non sono divisi, ma sono ridistribuiti sul territorio e la comunità. Non si capisce perché questa norma vada a tassare un processo che punta a sviluppare energie rinnovabili e comunità energetiche e rendendole così, con la mazzata fiscale, quasi impraticabili”.

Nel corso dell assemblea è stato quindi ribadito l impegno da parte di Confcooperative a intervenire sul governo affinché la norma possa essere corretta. “Abbiamo più volte manifestato questo malessere e la preoccupazione delle nostre cooperative. Alcune addirittura rischiano di andare in default – sottolinea ancora Savini – proprio perché quello che erano dei ristorni o dei tagli delle tariffe fatte a beneficio dei soci andrebbero poi a tradursi in perdite a causa delle imposte da pagare”.

Il tema dell energia, nel suo complesso, è stato al centro dei lavori dell assemblea con un particolare focus sulle opportunità di sviluppo delle comunità energetiche .

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli