**Energia: Tabarelli (Nomisma), 'bene Eni ma per prossimo inverno serve piano'**

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 30 lug. – (Adnkronos) – L'Eni "è un gioiello di tecnologia a livello mondiale" e il ceo del gruppo Descalzi "deve fare il miracolo, lui e i suoi uomini, tutti italiani, da cui dipendiamo" per gli approvvigionamenti del gas: ma il fatto stesso che si segnali per l'affrancamento dalle forniture russe la fine del 2024 "indica che dobbiamo fin da ora pensare ad un piano per il 2023". E' la convinzione del presidente di Nomisma Energia Davide Tabarelli interpellato dall'Adnkronos.

"Indicando come orizzonte temporale il 2024 per poter fare a meno del gas russo l'Ad di Eni Descalzi conferma indirettamente che nel 2023 non si fa in tempo:, insomma per il prossimo inverno non ce la facciamo e dobbiamo organizzarci con i razionamenti". Ma – prosegue – al di fuori del colosso energetico "di organizzazione ne vedo poca, c'é paura a parlarne, si teme di fare terrorismo" afferma l'esperto.

E' un problema quello degli approvvigionamenti che, ribadisce Tabarelli, "bisogna affrontare subito, dire che non si parla di razionamento per non far schizzare prezzi non ha senso. I prezzi sono già impazziti, rischiamo che questo inverno si muoia di freddo. Poi magari non succede niente perché la Russia (sui cui prodotti abbiamo messo l'embargo) continuerà a darci gas. E comunque speriamo che scoppi la pace, ma per ora sul gas siamo dipendenti da Mosca".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli