Energia: Ugl, per sviluppo idrocarburi servono strumenti adeguati

(ASCA) - Roma, 26 apr - ''Creare nuovi e reali posti di

lavoro, migliorando la produzione di idrocarburi, e' senza

dubbio interessante, ma si tratta di un progetto che non puo'

prescindere dalla verifica di fattibilita' e da una puntuale

certificazione dei dati''. Lo dichiara, in una nota, il

segretario confederale dell'Ugl, Ivette Cagliari, in merito

all'intenzione del Governo, riferita dal ministro dello

sviluppo economico, Corrado Passera, di rilanciare lo

sviluppo degli idrocarburi in Italia, aggiungendo che ''ogni

ipotesi, nell'ottica di un Piano di Azione Energetico

strutturato, integrato e condiviso ai vari livelli

istituzionali e sociali, puo' rivelarsi una strategia

vincente, finalizzata al rilancio dell'economia, solo se

supportata da strumenti adeguati''.

Secondo la sindacalista ''al momento risulta, invece, che

gli interventi legislativi in materia stiano producendo una

ricaduta negativa sulle rinnovabili, in particolare sul

fotovoltaico, con una deleteria contrazione di posti di

lavoro, involutiva rispetto all'unico settore che mostra un

trend occupazionale positivo''.

Per Cagliari ''e' ormai inderogabile un dialogo, ad ampio

spettro, che coinvolga le parti sociali, altrimenti si

rischia di trasformare un settore trainante in un pericoloso

spot, che allontana il nostro Paese dalla possibilita' di

centrare la meta: un futuro innovativo e tecnologico nel

rispetto dell'ambiente''.

Ricerca

Le notizie del giorno