Eni ha conseguito un utile netto adj di 3,73 miliardi. Ma in Italia ha perso 1 miliardo

Miguel MEDINA / AFP

AGI - Nel terzo trimestre dell'anno Eni ha conseguito un utile netto adjusted di gruppo pari a 3,73 miliardi di euro, in linea con il trimestre precedente.

È quanto si legge in un comunicato del gruppo in cui si evidenzia che nei nove mesi l'utile netto adjusted è stato di 10,81 miliardi di euro (+8,2 miliardi rispetto ai nove mesi 2021).

Il risultato è stato sostenuto dal robusto utile operativo e dai migliori risultati delle partecipazioni valutate all'equity. Il tax rate adjusted, non considerando gli effetti del contributo d'imposta straordinario a carico delle imprese italiane valutato come special item, si è stabilizzato intorno al 40% e riflette un migliore mix geografico degli utili imponibili, in particolare nel settore E&P.

L'ebit adjusted di gruppo del terzo trimestre 2022 è stato di 5,77 miliardi di euro, in linea rispetto al trimestre precedente, nonostante la flessione del prezzo del Brent e la sensibile contrazione dei margini di raffinazione, le fermate produttive non programmate ed altri fenomeni negativi, nonché il deconsolidamento delle società operative angolane conferite alla JV Azule Energy. Tali fattori sono stati compensati dalle continue iniziative di ottimizzazione e dalle riduzioni dei costi in tutte le linee di business.

Nel terzo trimestre 2022, E&P ha conseguito un ebit adjusted di 4,27 miliardi di euro, in riduzione del 12% rispetto al trimestre precedente a causa dei minori prezzi di realizzo degli idrocarburi e del deconsolidamento delle attivita' conferite in Azule Energy.

Nel terzo trimestre il business R&M ha conseguito eccellenti risultati con 0,71 miliardi di euro di ebit adjusted, nonostante la significativa flessione dell'indicatore SERM rispetto al precedente trimestre (-80%), grazie alle ottimizzazioni del flusso di prodotti, alle azioni di efficienza per ridurre i costi delle utility, alla maggiore disponibilita' degli impianti e all'eccellente andamento dei consumi stagionali.

Il business della chimica nel terzo trimestre 2022 ha conseguito una perdita di 177 milioni di euro a causa degli elevati costi energetici e del debole andamento della domanda.
Nel terzo trimestre Plenitude ha conseguito l'ebit adjusted di 16 milioni di euro, in linea con l'andamento stagionale del business e in riduzione rispetto al terzo trimestre 2021 a causa di uno scenario negativo. Il business Power ha conseguito un ebit adjusted di 156 milioni con un significativo miglioramento.

Nel terzo trimestre 2022 il flusso di cassa operativo prima del capitale circolante al costo di rimpiazzo adjusted è stato pari a 5,47 miliardi.

Nei nove mesi 2022, il flusso di cassa di 16,27 miliardi, raddoppiato rispetto al periodo di confronto, ha finanziato capex organici di 5,5 miliardi, aumentati del 35% a seguito dell'apprezzamento del dollaro Usa e delle azioni pianificate post-lockdown, rendendo disponibile un free cash flow organico di 9,3 miliardi per finanziare i fabbisogni di capitale circolante e il ritorno agli azionisti.

Pagata a settembre la prima rata del dividendo 2022 di 0,22 euro per azione, con un esborso di 751 milioni di euro. La seconda rata di pari importo sarà pagata il 23 novembre.

In base al nuovo programma di buy-back di 2,4 miliardi approvato dal Consiglio di Amministrazione a luglio, da realizzarsi entro aprile 2023, da fine maggio 2022 fino al 21 ottobre, sono state acquistate 142 milioni di azioni al costo di 1.663 milioni. L'indebitamento finanziario netto ante IFRS 16 al 30 settembre 2022 e' pari a 6,4 miliardi di euro, in riduzione di 2,54 miliardi rispetto al 31 dicembre 2021; leverage di gruppo a 0,11 vs 0,20 al 31 dicembre 2021.

Descalzi, assicurato approvvigionamenti energia

"In un contesto di elevata volatilità e incertezza nei mercati, Eni ha continuato ad assicurare gli approvvigionamenti energetici cruciali per le nostre economie, portando avanti al contempo il percorso di decarbonizzazione". Lo afferma l'ad di Eni Claudio Descalzi commentando i risultati trimestrali del gruppo.

"Già dal prossimo inverno - ha sottolineato - saremo in grado di rimpiazzare il 50% dei flussi di gas russo facendo leva sul nostro ampio e diversificato portafoglio riserve, sulle partnership di lungo termine con i Paesi produttori e sulla nostra crescente presenza nel business GNL. Nel trimestre abbiamo rafforzato ulteriormente la nostra posizione nella catena del valore del gas grazie all'esplorazione e alle operazioni di acquisizione degli asset gas di bp in Algeria e, nella fase midstream, della nave di liquefazione Tango FLNG per la valorizzazione del progetto gas in Congo".

"La nostra strategia di decarbonizzazione - ha rimarcato Descalzi - raggiunge nuovi traguardi fondamentali. Entro l'anno la capacità installata di energia rinnovabile di Plenitude sarà raddoppiata superando i 2 GW. Il nostro business di Sustainable Mobility cresce in scala e dimensioni facendo leva su un modello innovativo di integrazione verticale con il nascente agri-business per la fornitura di materie prime sostenibili alle nostre bioraffinerie".

In E&P, ha proseguito, "abbiamo proseguito nella nostra strategia di creazione di veicoli geograficamente focalizzati, driver di crescita e di ritorni, di cui ultimo esempio è Azule, la neocostituita JV con bp per la valorizzazione degli asset angolani. Nel terzo trimestre, nonostante la flessione del prezzo del petrolio e la rapida caduta dei margini di raffinazione, abbiamo continuato a generare risultati positivi grazie principalmente alla robusta performance dei nostri business internazionali. Nei nove mesi abbiamo integralmente coperto con l'autofinanziamento gli investimenti e i ritorni di cassa agli azionisti e siamo stati in grado di ridurre il leverage al livello di 0,11, quasi dimezzandolo rispetto alla fine dello scorso anno".