Eni: difesa Descalzi, 'pg Milano ha frantumato accusa, fatta giustizia'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 19 lug. (Adnkronos) – "È stata una requisitoria penetrante, argomentata, sintetica, pacata che però ha frantumato completamente l'accusa. Concludere dicendo che non c'erano prove del pagamento di una tangente mi sembra davvero che abbia chiuso un processo con un'affermazione molto forte: ogni cittadino ha diritto dopo sette anni di processo senza che sia stata raggiunta la prova della sua colpevolezza a veder finire immediatamente il processo". Lo afferma l'avvocato Paola Severino, legale dell'ad di Eni Claudio Descalzi, commentando la rinuncia del pg di Milano Celestina Gravina ai motivi d'appello presentati dal procuratore aggiunto Fabio De Pasquale contro la sentenza di assoluzione di primo grado nei confronti dei 15 imputati del processo Eni-Nigeria.

"Credo sia un messaggio molto forte che è arrivato nell'aula in maniera molto precisa e di cui tutti noi abbiamo preso atto: la giustizia può essere magari lenta ad arrivare, ma quando arriva deve essere dichiarata immediatamente", aggiunge. A chi le chiede se ha sentito Descalzi risponde: "Gli ho mandato un messaggio. È in missione per l’Italia nell’interesse dell’Italia. Mi fa piacere dire che persone che per l’Italia stanno facendo tanto siano sollevate dal peso di un processo come questo sia veramente importante".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli