Eni: società, 'soddisfatti per sentenza Milano' che nega risarcimento a governo Nigeria

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 11 nov. (Adnkronos) – Eni esprime "la propria soddisfazione" per la decisione della corte d’Appello di Milano di oggi che, confermando il primo grado, ha rigettato l’appello avanzato dalla parte civile Nigeria volto a ottenere un risarcimento nell’ambito del procedimento sull’acquisizione del blocco Opl245, condannando la Nigeria alla rifusione delle spese di giudizio.

La corte d'appello di Milano ha altresì dichiarato "inammissibile" l’appello della procura di Milano contro la sentenza di assoluzione "perché il fatto non sussiste" formulata nei confronti di Eni e del suo management nel marzo 2021 dal tribunale di Milano. Già la procura generale, nel luglio scorso, aveva determinato il passaggio in giudicato della sentenza di assoluzione in primo grado con la rinuncia ai motivi di appello formulati dai pubblici ministeri.

Eni precisa infine "di avere promosso arbitrato internazionale Icsid a Washington nei confronti della Nigeria per la tutela della propria licenza Opl245 rispetto alle conseguenze pregiudizievoli complessivamente patite nella vicenda".