Enna, Vanessa Scialfa è stata strangolata. Fermato il compagno, avrebbe confessato

Palermo, 26 apr. - (Adnkronos/Ign) - E' stato fermato il convivente di Vanessa Scialfa, la ventenne scomparsa da Enna il cui cadavere è stato ritrovato giovedì sotto un cavalcavia.

L'uomo, Francesco Lo Presti, 34 anni, in un primo interrogatorio aveva riferito di una lite avvenuta martedì pomeriggio nell'abitazione che divideva con la vittima. Ma, ancora sotto interrogatorio e assistito dal suo legale, avrebbe poi confessato il delitto.

Sarebbe stato lo stesso Lo Presti ad accompagnare gli investigatori sul luogo del ritrovamento del cadavere, nei pressi di un'ex miniera. A scatenare la furia omicida sarebbe stato un litigio nato per ragioni di gelosia.

L'uomo avrebbe così strangolato Vanessa e poi ne avrebbe gettato il cadavere giù da un cavalcavia.

A denunciare la scomparsa della giovane era stato proprio il convivente, raccontando dell'allontanamento della ragazza.

Yahoo! Notizie - Video: la cronaca della scomparsa di Vanessa Scialfa

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno