Enpa: nessuno tocchi orso M49, denunceremo chiunque faccia del male. -2-

Red/Gtu

Roma, 20 ago. (askanews) - "Il Pacobace (Piano d'azione per la conservazione dell'orso bruno sulle alpi centro-orientali) prevede sì misure eccezionali, ma le subordina a una serie di interventi preventivi e informativi i quali - sottolinea Enpa - non risulta siano stati pienamente attuati né da Bolzano né da Trento". Ed è anche su questo che l'associazione intende basare la propria battaglia legale per evitare che M49 - orso Maurizio "passi dalla condizione di prigioniero politico a quella di condannato a morte".

"A Kompatscher e Fugatti - prosegue Enpa - chiediamo di finirla con i proclami e i comizi elettorali a beneficio degli allevatori e degli agricoltori estremisti. Piuttosto, facciano chiarezza su questa vicenda. Spieghino come siano così sicuri dei fantomatici avvistamenti dell'orso Maurizio, dato ieri in Trentino e oggi in Alto Adige. Domani chissà dove. Tanto più che - prosegue Enpa - l'animale non ha il radiocollare, che gli è tolto durante la cattura".

"La vera questione - conclude l'Enpa - non è quella di garantire la convivenza con i grandi carnivori ma di creare il panico. Insomma sulla pelle del povero orso si sta giocando una partita più grande: quella giocata dai politici contro gli animali e la biodiversità per difendere le loro poltrone".