Enrico Mentala e Paolo Celata: il siparietto divertente su La7

celata mentana

Durante la Maratona Mentana in onda sul telegiornale edizione speciale di La7 di oggi, martedì 20 agosto, è andato in onda un siparietto particolare. Enrico Mentana ha diretto il programma a partire dalle ore 14:15 in attesa del discorso del premier Giuseppe Conte in Senato. Il suo inviato, Paolo Celata, invece, si trovava davanti all’ingresso dell’aula del Senato. Una volta ricevuta la linea, Celata riferisce l’ingresso dei senatori leghisti dall’ingresso sul retro del palazzo; mentre Mentana scende sull’ironia. Vediamo cosa è successo in onda.

Enrico Mentana e Paolo Celata, il siparietto

Enrico Mentana cede la linea all’inviato Paolo Celata che si trova di fronte all’ingresso dell’aula del Senato, nella quale si è tenuto il discorso del premier Giuseppe Conte. Celata esordisce spiegando: “Nel momento in cui è passato il consistente gruppo dei senatori leghisti (tra i quali Siri e Durigon)..”. Mentana, però, lo interrompe: “Quindi massiccio..”. “Sono entrati dal portone a destra” prosegue Paolo, per poi sorridere all’affermazione di Enrico “si, gruppo numeroso”. La linea torna a Celata che chiarisce che i senatori leghisti avrebbero raggiunto l’aula passando dalla porta principale sul retro. Oltre a ciò, si sarebbe tenuta una piccola contestazione e i manifestanti avrebbero gridato “Traditori” e “Vergogna”. Poi, conclude l’inviato: “Possiamo dire che erano (desumendolo) dei sostenitori del Movimento 5 stelle, ma non c’erano né bandiere né cartelli”. A quel punto Mentana punta sull’ironia: “Sherlock Holmes ti spiccia casa” ha detto il conduttore. “L’ho capito al volo” ha replicato Paolo Celata.

Il compleanno di Paolo Celata

La giornata di oggi, martedì 20 agosto, è una giornata speciale per l’inviato Paolo Celata. Infatti, oggi compie gli anni e Mentana ne approfitta per fargli gli auguri in diretta. “Divento più vecchio di un anno” ha spiegato. Poi, la replica di Mentana, “è la legge del contrappasso con Buffagni, hai tentato di invecchiare lui…”.