Enrico Montesano dice la sua su vaccinati e donazioni di sangue: la replica dell’Avis

·1 minuto per la lettura

Qualche giorno fa Enrico Montesano ha girato un video dove nominava l’AVIS. Nel dettaglio, il popolare attore comico aveva detto di aver parlato con un amico, il quale a sua volta gli aveva riferito che il sangue dei vaccinati sarebbe passibile di coagulazione. Tale fenomeno avrebbe dunque costretto a gettare via le sacche di sangue ormai inutilizzabile.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

 AVIS replica a Enrico Montesano

Le parole dell’attore sono state riprese dallo stesso presidente di AVIS Nazionale, Gianpietro Briola. Il quale ha parlato di “affermazioni pericolose per la salute pubblica e lesive dell’impegno dell’associazione e dei donatori. Innanzitutto tutto, prima di citare AVIS che da sempre, e soprattutto in epoca di pandemia, è attenta e certa della qualità del sangue e degli emocomponenti che vengono raccolti e dell’impegno dei propri volontari, è necessario che Montesano dica dove si siano verificati questi presunti episodi di cui parla con tanta pericolosa leggerezza e chiarisca meglio le circostanze”.

Il direttore ha poi continuato: “Comprendiamo la voglia di notorietà e pure la convinzione delle proprie idee, ma temi come questo non devono basarsi su percezioni, paure o, peggio, diffamanti affermazioni. Non siamo vittime delle fake dei social, ma assertori del dato scientifico e del riscontro oggettivo, obbiettivo e misurabile. Per ora, i dati epidemiologici italiani e i quelli relativi all’andamento mondiale, dimostrano che il vaccino è e rimane un’ottima e unica reale strategia”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli