Enrico Papi, la confessione sul bullismo: "Colleghi prepotenti"

·2 minuto per la lettura
enrico papi bullismo
enrico papi bullismo

Pronto a tornare a Mediaset con Scherzi a Parte, Enrico Papi ha confessato di aver ricevuto del bullismo da parte di “colleghi prepotenti“. Il conduttore ha superato i torti subiti, ma non li giustifica.

Enrico Papi: bullismo a lavoro

Inervistato dal settimanale Chi, Enrico Papi si è tolto qualche sassolino dalle scarpe. Il conduttore, pronto al ritorno a Mediaset con Scherzi a parte, ha trascorso tanti anni nella rete del Biscione. Non a caso, ha ammesso: “Sono entrato giovane e single sono uscito sposato e con due figli“. Enrico, quindi, lascerà Tv8 e tornerà in quella che considera “una seconda famiglia“. Nella lunga intervista alla rivista di Alfonso Signorini, Papi ha confessato di essere rimasto vittima di bullismo sul posto di lavoro.

Enrico Papi, bullismo: la confessione

Enrico ha dichiarato:

“Purtroppo in tv esiste un certo atteggiamento di prepotenza. Bullismo ricevuto da chi? Da colleghi potenti. Quando possono non rinunciano mai alle scorrettezze, ma le dirò: non porto rancore, per fortuna esiste l’ascolto”.

Papi non ha fatto il nome dei colleghi che gli hanno reso la vita difficile, ma di certo prima o poi spunteranno fuori. Il bullismo subito ha a che fare con il chiacchiericcio che per anni ha riguardato la sua sessualità? Il conduttore ha ammesso:

“Le voci sulla mia sessualità? Un classico per chi fa questo mestiere, anche se non le nascondo che oggi più che mai potrei innamorarmi, in senso lato, di chiunque. E senza alcun problema. A oggi non è mai successo, pur avendo avuto i miei corteggiatori. Ma quando sento qualcuno rivendicare la sua eterosessualità inorridisco. Mi sembra quasi un’offesa”.

Enrico Papi: dal bullismo alla rivincita

Nonostante il bullismo, Enrico ha avuto la sua personale rivincita. E’ stato uno dei conduttori di punta di Mediaset e adesso è pronto per tornare al suo posto. Ha dichiarato:

“Ho passato così tanti anni in casa Mediaset che, in qualche modo, la considero una seconda famiglia. La prima volta nell’aprile del 1996, mi notò Silvio Berlusconi mentre conducevo Chiacchiere su Rai1. Mi mise su Canale 5 al posto di Vittorio Sgarbi con Papi Quotidianamente”.

Come sarà la nuova edizione di Scherzi a parte? Al momento non abbiamo molti dettagli, ma di certo sarà uno show divertente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli