Enrico Ruggeri: "Su Gassmann solo una battuta. Se denunci assembramenti, devi farlo pure con rapine e spaccio"

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
(Photo: )
(Photo: )

Tutto è iniziato da un tweet delle scorse ore: Alessandro Gassmann ha rivelato di aver chiamato la polizia per una festa che si svolgeva nel suo condominio, in violazione delle norme anti-Covid. Sui social sono esplosi i commenti, ad intervenire anche il cantante Enrico Ruggeri. “Grande attore e regista... con un po’ di nostalgia per i tempi andati della Germania Est”, le sue parole. Una vicenda su cui Ruggeri torna a parlare oggi, facendo chiarezza in un’intervista al Corriere della Sera.

“Se quella battuta l’avessi fatta ad Alessandro a cena insieme, ne avrebbe riso anche lui. Mi dispiace molto la contrapposizione e il malcostume di cui spesso sono stato vittima anche io”.

Ruggeri sottolinea che non aveva intenzione di attaccare Gassmann, dichiarandosi dispiaciuto:

“Ho letto insulti su di lui, la sua famiglia, suo padre. Una cosa orribile. Alessandro è un grande attore e regista che ha un peso (il cognome) terribile da portare, ma lo porta egregiamente”.

A chi gli domanda “se vede 30 persone assembrate senza mascherina cosa fa? Tace, interviene, chiama le forze dell’ordine?”, il cantante replica:

“Non so rispondere. Posso dire però che se lo faccio, lo farei sempre e per tutto. Se vedo uno che ruba una macchina, uno che picchia la fidanzata, se alla Stazione Centrale vedo tre tizi che si scambiano una bustina”.

Enrico Ruggeri, durante quest’anno di pandemia, ha espresso parere critico verso talune regole e restrizioni. Oggi spiega:

“Non capisco perché in mezzo alla strada devo mettere la mascherina. Se entro in un negozio la metto, ma se sono all’aperto no. In un vicolo stretto con 50 persone la metto, sì [...] Ristoranti aperti a pranzo e a cena no [...] Non possiamo rinunciare a vivere per paura di morire [...] Il mondo dello spettacolo? È stato umiliato”.

Il cantante rifiuta l’et...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.