Erdogan caccia Governatore banca centrale, crolla la lira turca

·1 minuto per la lettura
featured 1249558
featured 1249558

Milano, 22 mar. (askanews) – Crollo della lira turca sul mercato

dei cambi. La caduta è iniziata dopo che il presidente turco Erdogan ha sorpreso gli

investitori durante il fine settimana, rimuovendo il governatore

della Banca Centrale del Paese. Naci Agbal, che aveva

ridato fiducia ai mercati con una politica rigorista, è stato sostituito con Sahap Kavcioglu, ex deputato del

partito Akp, commentatore economico del quotidiano filogovernativo Yeni Safak dove criticava gli alti tassi di interesse.

La lira

turca è scambiata a 8,05 contro il dollaro, in calo del 10%

rispetto alla chiusura di venerdì, dopo essere scivolata fin

quasi del 15% a 8,485, vicino ai minimi storici di sempre (8,58).

“La Turchia dà l’impressione di essere diventato un paese senza regole. Non ci sono più diritti, non c’è più democrazia. E tutto questo ha un impatto”, ha commentato Idem Demirtas, un consulente finanziario.

“Queste cadute distruggono la fiducia nell’economia. E’ un fattore importante. Voglio essere chiaro: sostenere un governo non significa chiudere gli occhi sui suoi errori”, ha spiegato un abitante di Istanbul.

“Quel che è accaduto è davvero sorprendente. Ma cominciamo ad abituarci a questi crolli. Ma alla fine a rimetterci sono i cittadini”, ha chiosato un pensionato.