Erdogan licenzia il rettore di Istanbul dopo mesi di proteste

·1 minuto per la lettura
(Photo: Anadolu Agency via Getty Images)
(Photo: Anadolu Agency via Getty Images)

Il rettore dell’università Bogazici di Istanbul, Melih Bulu, è stato sollevato questa mattina dall’incarico con un decreto del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che ne aveva deciso la nomina lo scorso 2 gennaio, scatenando polemiche e mesi di proteste di studenti e società civile. La più imponente ha portato lo scorso aprile alla richiesta da parte della procura di Istanbul di condannare a pene tra i 6 mesi e i 3 anni di carcere 97 persone, accusate di aver infranto le regole contro il Covid e aver preso parte a una manifestazione non autorizzata, una delle tante organizzate per protestare contro la nomina di Bulu.

Diverse manifestazioni, soprattutto a Istanbul, sono sfociate in scontri con la polizia, con più di 200 manifestanti arrestati, alcuni dei quali studenti e poi rilasciati. Le proteste di Bogazici, polo d’eccellenza accademico in Turchia, sono iniziate lo scorso 4 gennaio, due giorni dopo la nomina a rettore di Bulu, esterno al corpo docenti e già candidato nel 2015 in parlamento nelle liste dell’Akp di Erdogan. Dal 2016, dopo il tentato golpe, è direttamente il presidente della Repubblica a nominare i rettori, su proposta dello Yok, ente per la formazione universitaria.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli