Erdogan a sorpresa in Tunisia per discutere della tregua in Libia

ll presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha discusso i possibili passi per un cessate il fuoco in Libia con il suo omologo tunisino, Kais Saied. Erdogan ha compiuto una visita a sorpresa a Tunisi, accompagnato dai vertici di Esteri, Difesa e intelligence. Il conflitto in Libia vede Ankara schierata anche militarmente a sostegno del premier del governo internazionalmente riconosciuto, Fayez al Serraj, contro l'uomo forte della Cirenaica, Khalifa Haftar, che ha tra i suoi sostenitori Francia, Russia ed Egitto ed è impegnato da settimane in un offensiva contro Tripoli.

A completare la delegazione turca sono il ministro degli Esteri, Mevlut Cavusoglu; quello della Difesa, Hulusi Akar; il capo dell'intelligence, Hakan Fidan, e il direttore delle comunicazioni della presidenza turca, Fahrettin Altun.

Cavusoglu è stato sentito ieri per telefono dal ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, per fare il punto sulla situazione libica. Questa mattina, intorno alle 7 e 30, Di Maio ha avuto inoltre un colloquio con il suo collega russo, Sergey Lavrov. A quanto si apprende, i due ministri hanno discusso dei prossimi passi in vista della conferenza di Berlino, che dovrà occuparsi di trovare una soluzione pacifica al conflitto nel Paese nordafricano.