Ergastolo ostativo, Antigone: non usciranno decine di mafiosi -2-

Sav

Roma, 8 ott. (askanews) - "Ora - prosegue il presidente di Antigone - attendiamo la decisione della Corte Costituzionale che entro il mese di ottobre si pronuncerà sullo stesso tema, affinché anche questa decisione possa restituire al nostro sistema penale e penitenziario quella flessibilità necessaria ad una valutazione individuale dei casi a tanti anni di distanza dalla commissione dei reati. Uno stato forte non teme se stesso e i propri giudici né la rimessione in libertà di persone che hanno scontato in carcere decenni di pena".

"Lottare contro l'ergastolo, e in particolare contro l'ergastolo ostativo, non significa non avere a cuore la sicurezza del paese o non credere nella lotta contro le mafie. Del resto - conclude Gonnella - nessuno potrebbe accusare Papa Francesco, che ha abolito l'ergastolo dall'ordinamento vaticano, di non aver a cuore la lotta alla mafia".

Gli ergastolani in Italia lo scorso 30 giugno erano 1.776 di cui, quasi i due terzi, all'ergastolo ostativo.