Erika e Omar, 20 anni fa il duplice omicidio di Novi Ligure

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Sono passate da poco le 20 del 21 febbraio 2001 quando una ragazzina di 16 anni esce urlando da una villetta del quartiere Lodolino di Novi Ligure, nell’alessandrino, corre a piedi nudi si rifugia dai vicini raccontando che due persone sono entrate in casa per una rapina uccidendo la mamma e il fratellino.

Comincia così una vera e propria caccia all’uomo alla ricerca dei due rapinatori, albanesi si disse allora, dai quali Erika racconta di essere sfuggita per miracolo. A salvarsi anche il padre che era fuori casa. E, mentre le forze dell’ordine sono al lavoro dentro e fuori casa alla ricerca di indizi, nel paese e non solo, si scatena la rabbia contro gli immigrati.

Erika viene sentita a lungo sull’accaduto ma il suo racconto non convince del tutto gli inquirenti che tornano nella casa accompagnati dalla ragazza e dal suo fidanzatino, Omar, per un nuovo sopralluogo. Poi, portati in caserma vengono lasciati soli in una stanza dove non sanno che vengono visti e sentiti a distanza e li i due giovani parlano del delitto, concordano la versione da fornire agli investigatori.

Due giorni dopo il delitto, i giovani vengono fermati e dal momento dell’arresto cominciano ad accusarsi ad accusarsi a vicenda mentre numerosi di periti vengono nominati per cercare di far luce sulle loro personalità.

L’11 dicembre dello stesso anno in un’aula del tribunale dei minori Erika e Omar affrontano il giudizio con rito abbreviato. Il pm Livia Locci chiede una condanna a vent’anni per la ragazza e a 16 per l’ormai ex fidanzato: tre giorni dopo vengono condannati rispettivamente a 16 e 14 anni, pene che vengono confermate in appello il 30 maggio 2002 e infine dalla Cassazione il 9 aprile dell’anno successivo.

Ora, a vent’anni dal duplice delitto si sono rifatti una vita, Erika in carcere si è diplomata e poi laureata contando sempre sulla presenza del padre che non l’ha mai abbandonata. Lo stesso ha fatto Omar che uscito dal carcere si è trasferito in Toscana.