Erika, morta in discoteca a 19 anni: "Era diventata cupa e taciturna. I suoi amici non ci piacevano affatto"

HuffPost
-

“Era sensibile” ed aveva solo diciannove anni Erika Lucchesi, la ragazza morta in seguito a un malore, probabilmente provocato da un mix di droga e alcol, nella notte tra sabato e ieri all’interno della discoteca Mind Club di Sovigliana di Vinci (Firenze).

Oggi al Corriere della Sera, Federica e Marco, due compagni di scuola della giovane. I ragazzi testimoniano come, nell’ultimo periodo, la ragazza avesse cambiato atteggiamento. 

“In classe era sempre più cupa, taciturna, e alla fine non apriva libro. Era intelligente, sensibile, buona e disponibile con gli altri, ma sembrava turbata da qualcosa” [...] “I suoi amici non ci piacevano affatto”.

Nessuno sospettava però che Erika potesse fare abuso di alcol e droga. La sua famiglia è considerata perbene, stando alla testimonianza dei vicini di casa e dei responsabili della scuola frequentata dalla ragazza.

“Sognavano per la figlia un diploma e magari anche una laurea” [...] “Erika era seguita dalla famiglia, la mamma veniva spesso a parlare con noi, ci sembrava tutto normale”.

Continua a leggere su HuffPost