Eriksen resta in ospedale ma le sue condizioni sono stabili

·3 minuto per la lettura

AGI - Rimangono "stabili" le condizioni di Christian Eriksen, giocatore della Danimarca che sabato ha avuto un arresto cardiaco durante la partita contro la Finlandia agli Europei di calcio. Lo rendo noto la Frederazione danese in un tweet. Il giocatore, si legge ancora, "rimane ricoverato per ulteriori accertamenti". "Questa mattina - aggiunge la Federazione - abbiamo parlato con Eriksen, che saluta i suoi compagni di squadra".

Nel tweet la Federazione ringrazia "tutti per gli auguri di pronta guarigione pervenuti a Christian dai tifosi, dai giocatori e dalle famiglie reali danese e inglese, dalle associazioni internazionali e dai club". "Invitiamo tutti ad inviarci messaggi, che recapiteremo a Christian e alla sua famiglia".

Il centrocampista dell'Inter "respirava e sentivo il suo polso", ha spiegato il medico della squadra, Morten Boesen, raccontando il primo soccorso sul campo. "Tuttavia, all'improvviso la situazione è cambiata e come tutti hanno visto abbiamo iniziato un massaggio cardiaco".

I 10 minuti successivi sono stati di grandissima paura: diversi medici cercavano di mantenere il giocatore in vita, mentre i suoi compagni in lacrime si raccoglievano attorno a lui in cerchio, impedendo cosi' che il pubblico vedesse la scena. "Ma siamo riusciti a salvarlo", ha sottolineato Boese all'AP, "e lui mi ha anche parlato prima che venisse trasferito in ospedale". Ieri sera il giocatore era in "condizioni stabili", secondo quanto riferito dalla Federazione danese. Eriksen si è accasciato al 43esimo minuto di gioco. 

Il parere del cardiolologo

"A prima vista si è parlato di sincope, ma non è appropriato perché la sincope è una perdita di coscienza breve con una ripresa autonoma. Qui invece l'atleta è stato soccorso dai compagni e dai sanitari, gli è stato effettuato un messaggio cardiaco. Siamo di fronte a un arresto che potrebbe essere dovuto magari a un'aritmia ventricolare, a una tachicardia sostenuta. Questo può succedere, nonostante i controlli. E in Italia i controlli sono severi, più che in altri Paesi europei, per non parlare degli Stati Uniti".

Il cardiologo Daniele Andreini, spiega così sulla Gazzetta dello Sport, quanto accaduto a Eriksen durante la gara della sua Danimarca con la Finlandia. "Penso alla cardiomiopatia aritmogena, ma anche a malattie legate all'attività elettrica del cuore, che possono manifestarsi per la prima volta in modo drammatico senza prodromi ai controlli medici talora non danno segni di anomalia" 

"Sono casi rari - aggiunge - ma le morti improvvise purtroppo capitano. Soprattutto negli atleti di alto livello, sottoposti a livelli di stress psicofisico che possono scatenare l'aritmia stessa".

 Corretto, secondo lo specialista, è stato il soccorso "super tempestivo, dal malore alle prime manovre di soccorso sono passati 10-15 secondi. Correttamente all'inizio è stata controllata la pervietà delle vie aeree, per poi iniziare il massaggio", "prima si inizia, più facile è che l'aritmia si interrompa e soprattutto non si abbiano reliquati, cioé danni postumi".

Per quanto riguarda un'eventuale ripresa dell'attività sportiva, "è difficile dirlo in questo momento. Un arresto cardiaco, se di questo si tratta, solitamente non avviene in un cuore sano. Di base spesso c'e' una cardiopatia organica alla base delle aritmie".

Secondo l'esperto "occorrerà far degli approfondimenti, a iniziare da un elettrocardiogramma e da una risonanza magnetica. Magari già l'ECG fatto subito dopo l'arrivo in ospedale ci dirà qualcosa sul perché. Magari ci possono essere cause secondarie che si possono rimuovere in modo che il problema non si ripresenti" 

"Una ipopotassemia ad esempio", suggerisce ancora. "se il potassio è basso si rischiano aritmie gravi. Ma questa è l'ipotesi migliore. Occorre ricostruire la sequenza degli eventi, ma spesso in questi casi c'è una causa rilevante che pregiudica il ritorno all'attività".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli