Erin Moran: bufera sulle parole di Scott Baio sulla morte di 'Sottiletta'

Hanno scatenato una bufera le parole di Scott Baio, interprete di Chachi in Happy Days, sulla morte di Erin Moran, conosciuta dai più per aver impersonato il ruolo di ‘Sottiletta’ (Joanie Cunningham) nella serie tv più amata di tutti i tempi. L’attrice è stata trovata morta il 22 aprile 2017 a causa di un cancro al quarto stato, o almeno questo emerge dai primi risultati dell’autopsia. Il decesso della Moran, infatti, sarebbe dovuto a complicazioni derivanti dalla sua malattia: “L'autopsia ha rivelato che probabilmente la signora Moran è deceduta a causa delle complicanze di un cancro al quarto stadio. Sono stati effettuati gli esami tossicologici standard e i risultati sono attesi. In ogni caso, presso l'abitazione non sono stati rinvenuti narcotici illegali”. Scott Baio però, sostiene che abbiano contribuito anche i numerosi vizi dell’attrice. 


In un primo momento l’attore ha postato le sue condoglianze sui social: ”Possano le persone ricordare Erin per il suo sorriso contagioso, il suo gran cuore e il suo spirito di amante degli animali. Ho sempre sperato che potesse trovare pace nella vita. Ora sei con Dio Erin. Le mie più sincere condoglianze”. 

In seguito, però, ha pubblicato un nuovo messaggio le cui parole hanno dato il via a una bufera: "Sto bene, sono un po' scioccato ma non del tutto scioccato da quello che è successo. Certo, mi sento triste perché durante tutta la sua vita, Erin è stata inquieta, non riusciva mai a trovare qualcosa che la rendesse felice e soddisfatta. Per me, se ti droghi o bevi, prima o poi muori. Mi dispiace se ciò sembra insensibile, ma Dio ci ha dato un cervello, ci ha dato la volontà di vivere e crescere sani, ma devi prenderti cura di te".

Scott Baio sulla morte di 'Sottiletta'

Durante un’intervista rilasciata a ‘The Bernie & Sid Show’ e riportata da Variety, Scott Baio ha chiesto "Come si può aiutare qualcuno che non vuole aiutare se stesso?”, mentre alla radio WABC ha lasciato una dichiarazione più sentita: 

"Sono amareggiato da ciò che è accaduto. Non so se siano state le droghe a ucciderla, ho letto che le cose potrebbero stare così e non so cosa sperare. Conoscevo bene Erin, ma negli ultimi anni non ci sentivamo. Era una persona insicura ed è caduta in questo mondo fatto di droga e alcolici. Ripeto, non so cosa l'abbia uccisa, ma penso che sia l'apice di anni e anni passati a bere e drogarsi. Penso possano avere qualcosa a che fare con la morte. Non ha mai trovato la sua strada. Come si può aiutare qualcuno che non vuole aiutare se stesso? Ci provi un paio di volte e se non vogliono aiuto devo andare, mi dispiace".

L’attore di Happy Days ha concluso rivelando di non aver mai avuto problemi di droga: ”Non sono mai stato interessato a quelle sostanze, né mi hanno mai intrigato. Ho genitori, un fratello e una sorella che la pensano come me e mio padre, che riposa con Dio, mi disse: ‘Se ti droghi, ti ammazzo'. I miei genitori mi hanno educato bene. A parte Erin, in quello show, non ho mai visto droghe o alcolici".

Ovviamente non sono mancate reazioni alle sue parole: ”Erin è morta di cancro e non per aver assunto droghe e alcolici”. La sua risposta? "Ho detto ‘Se'. Mia moglie ha sentito Erin meno di un mese fa. Mi date addosso solo perché sostengo il presidente Donald Trump”. Ne fa una questione politica, ma sarà il caso? Ad ogni modo Scott Baio si è giustificato su Facebook, scrivendo un lungo post per spiegare le sue parole: 

"Sabato, 22 aprile intorno alle 3:30 del pomeriggio, mia moglie ha ricevuto un messaggio che diceva che Erin Moran era morta. Io non riuscivo a crederci. La stampa e i media non avevano riportato la notizia, perciò pensavo fosse una bufala. Dopo poco, TMZ ha riportato la notizia come vera, con loro lo hanno fatto anche tutti gli altri siti. Ero triste, incredulo, avevo lo stomaco in subbuglio ed ero scioccato. Domenica 23 aprile ero seduto nel mio ufficio, raccoglievo i pensieri per pubblicare una dichiarazione. Volevo ricordare tutto il meglio, i momenti più belli trascorsi con Erin. Cercavo ancora di metabolizzare questa perdita. Più tardi quella sera, Internet e la tv titolavano ‘Erin Moran è morta a causa di un'overdose di eroina'. Ciò mi ha turbato e mi ha fatto arrabbiare. Era una delle mie peggiori paure per lei. Lunedì 24 aprile alle 6 del mattino ho fatto un'intervista radio. Mi è stato chiesto SOLO del problematico passato di Erin dovuto ai suoi abusi di droga e alcol. Ero ancora sconvolto e dissi che da quello stile di vita non poteva venire nulla di buono. Ciò è accaduto prima che la causa della morte fosse annunciata e si parlasse di tumore al quarto stadio. Ora sembra che ogni organo di informazione voglia dipingere un'immagine diversa di me e di ciò che è realmente accaduto. Dicono che io abbia affermato che la droga sia stata la causa della morte, anche dopo che si è saputo del cancro. Ciò è sbagliato. Ora conosco davvero il significato di ‘Fake news'. È folle. Sto cercando di metabolizzare questa scomparsa. Erin è stata la mia prima vera fidanzata. Mia moglie ed Erin sono rimaste in contatto per circa 10 anni. È anche intervenuta nel mio reality show anni fa. Mi sono tenuto in contatto con lei per circa 30 anni. Per favore smettetela di vedere il peggio in me. Sono una persona compassionevole. Ho il cuore spezzato dalla sua morte, soprattutto per via del cancro. Ho espresso la mia verità. Ho finito”.

Al momento non si conoscono ancora i risultati degli esami tossicologici, ma sono molti i messaggi di addio pubblicati dagli attori del cast di Happy Days che volevano bene a Erin Moran e adoravano il suo personaggio, Sottiletta. Così come sono numerosi i fan dell’attrice che sono rimasti sconvolti dal tragico evento e che sui social esprimono il loro dolore per l'attrice.  

 


ECCO COME SI ERA RIDOTTA LA MITICA SOTTILETTA: LO STRAZIO... COME ERA E COSA FACEVA PRIMA DI MORIRE

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità