Ermanno Scervino, il lusso dello sportswear

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Sportswear sì ma di lusso. Ermanno Scervino per la fall winter 2021/2022 non rinuncia a quella che è la sua missione: la ricerca del bello, anche in un momento difficile come quello presente, nel quale il gusto di vestirsi, abbellirsi, decorarsi sembra aver perso importanza. Con l'artiginalità e la manualità che da sempre contraddistinguono l'etichetta fiorentina, per la prossima stagione i preziosismi più raffinati incontrano il mondo dello sport, in un nuovo lessico rivisitato e attualizzato.

Se è vero che non mancano gli amati pizzi, stavolta sono realizzati con morbide pelli, e così i piumini, abbinati di giorno ad abiti a t-shirt di pizzo incrostato di cristalli. I pantaloni hanno bande laterali, come quelli da sci o da allenamento, mentre le piccole gonne a pieghe sono realizzate con il neoprene tagliato al vivo. Tessuti maschili ma qui squisitamente femminili. Anche il tailoring ha nuove proporzioni: i cappotti si allungano, i suit combinano blazer e bermuda, anche nella versione tuxedo. Grossi ricami di filo percorrono i paletot double, i giacconi di montone, i maxi cardigan.

Frange di lana danzano ovunque, aggiungendo movimento, mentre la maglia, grossa, toccata da bagliori di lurex o percorsa da luminosi cristalli, è presenza importante: pullover, giacconi e borse hanno forme avvolgenti e confortevoli. Pizzi, bouclè, lane, pelli si amalgamano con sapienza, creando contrappunti di texture che accompagnano un percorso cromatico di tinte neutre nel quale spiccano note di tabacco, verde, rosa e viola accanto agli amati grigi, bianchi e neri.