Erste+Neue: conclusa prima vendemmia uve bio della linea Puntay

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 7 nov. (askanews) - Si è appena conclusa la vendemmia nei vigneti dei soci della storica cantina "Erste+Neue" di Caldaro (Bolzano), la prima integralmente biologica per le uve che poi daranno origine ai vini della linea Puntay. "Il biologico fa parte dell'approccio di alcuni dei nostri soci della nostra cantina sin dall'inizio del nuovo millennio: i primi vigneti in conversione risalgono, infatti, agli anni 2003 e 2004 e oggi sono circa una quarantina quelli convertiti completamente al biologico" ha commentato l'enologo dell'azienda, Andrea Moser, spiegando che "siamo fortemente convinti dell'importanza di portare avanti una conduzione viticola rispettosa dell'ambiente e quindi sostenibile". "Proprio per questo - ha evidenziato - la cantina aderisce al protocollo 'Fair'n green' dal 2018, una certificazione tedesca molto impegnativa che rende misurabili e verificabili gli obiettivi che definiscono un'azienda davvero sostenibile". Per poter assaggiare i vini di questa linea composta da sette etichette (tre bianchi, Pinot Bianco, Chardonnay e Sauvignon, e tre rossi - Kalterersee Classico Superiore, Pinot Nero Riserva e Lagrein Riserva) bisognerà però aspettare il 2024.

"Siamo molto soddisfatti per l'oggettiva qualità delle uve portate in cantina, soprattutto se pensiamo all'incertezza del clima, che è stato particolarmente caldo e siccitoso in quest'annata" ha affermato Moser parlando in generale della vendemmia, aggiungendo che "le piante hanno retto bene lo stress idrico dovuto alla scarsità di piogge nel periodo estivo, e in questo siamo stati sicuramente agevolati anche dall'altitudine media alla quale si trovano i nostri vigneti, che in alcuni casi raggiungono gli 800 metri sul livello del mare".

La vendemmia è stata contrassegnata da un deciso anticipo rispetto alla normalità: le basi spumante prima ed a seguire le varietà a bacca bianca, come il Pinot Grigio e il Pinot Bianco, sono state raccolte durante la terza settimana di agosto e non nella prima parte di settembre come di consueto. "Chardonnay e Sauvignon Blanc sono le due varietà che più sono riuscite a raggiungere una maturità davvero sorprendente, che si tradurrà poi in aromi molto coinvolgenti nel bicchiere" ha precisato Moser, sottolineando che si tratta di "fattori che si sommano alla presenza di pH bassi e acidità insperate". Anche per quanto riguarda le varietà a bacca rossa c'è grande soddisfazione: "Le uve hanno un'ottima concentrazione e sono molto croccanti" ha proseguito l'enologo, sottolineando che "complessivamente la vendemmia è trascorsa in modo molto lineare e scalare, quindi con pause anche piuttosto lunghe tra una varietà e l'altra, aspetto che ha agevolato le operazioni consentendo di lavorare in un clima di grande serenità. Abbiamo concluso il 13 ottobre, raccogliendo dei meravigliosi e maturi grappoli di Cabernet Sauvignon".