Eruzione al largo di Tonga: lanciata allerta anche al Giappone

·2 minuto per la lettura
Tonga eruzione allerta Giappone
Tonga eruzione allerta Giappone

A seguito dell’eruzione del vulcano sottomarino che è avvenuta al largo dell’isola di Tonga, è stata lanciata l’allerta anche per Giappone e Stati Uniti. Tra le aree per le quali è stato lanciato l’allarme Tsunami sono incluse le Fiji, la Nuova Zelanda oltre che tutta la west coast.

Tongaa eruzione allerta Giappone, la situazione nel Sol Levante

L’eruzione sottomarina ha interessato anche il Giappone. Stando a quanto riporta l’agenzia meteorologica del sol levante, l’isola di Amami Oshima è stata colpita da un’onda di 1,2 metri intorno alle ore 15.55 italiane (23.55 locali). Ad ogni modo, non si esclude che possano seguire altre onde fino a 3 metri di altezza. Nel frattempo la prefettura di Iwate, situata a Nord del Giappone ha avviato l’evacuazione.

Tonga eruzione allerta Giappone, le onde sono arrivate anche in California

Lo Tsunami generato dall’eruzione avvenuta a Tonga è arrivato anche in California. Stando a quanto viene reso dai media statunitensi le coste sono state raggiunte da onde dell’altezza di circa 45 centimetri. A Laguna Beach invece – si legge da CNN – sono state chiuse tutte le spiagge, le banchine e i porti. “Per favore, state fuori dall’acqua e lontano dalla riva”, riporta l’avviso lanciato ai residenti.

Tonga eruzione allerta Giappone, tensione anche in Nuova Zelanda

Lo Tsunami ha allarmato anche la Nuova Zelanda, dove le autorità hanno lanciato un segnale di allarme a seguito di alcune mareggiate generate dell’eruzione.

“L’onda d’urto è chiaramente visibile nelle immagini satellitari e ci sono notizie dell’eruzione che sono state avvertite fino alla Nuova Zelanda”, sono le parole di Emily Lane scienziata del National Institute of Water and Atmospheric Research della Nuova Zelanda.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli