Esa traccia rotta verso orizzonti spaziali dei prossimi anni -5-

redMgi

Roma, 28 nov. (askanews) - 'Oggi registriamo un risultato estremamente positivo per il nostro Paese. La scelta dell'Italia di fare un così importante incremento negli investimenti è legata - sottolinea il presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana, Giorgio Saccoccia - alla decisione dell'Italia di supportare attività spaziali che spostino verso l'Italia reali vantaggi economici e industriali. Si tratta di una proposta che sposta gli equilibri Europei del settore spaziale verso una maggiore leadership del nostro Paese, rispetto ad altri importanti attori storici, quali la Francia e la Germania. Dimostrazione di questo è stata l'adesione entusiasmante di Paesi medio-piccoli nel settore spaziale europeo a programmi a guida italiana, quali l'evoluzione del lanciatore VEGA ed il sistema di trasporto spaziale riutilizzabile Space Rider. Un investimento che sarà su grandi programmi ma anche su temi che permetteranno alle PMI di poter contribuire al futuro di questo settore essenziale. Siamo orgogliosi, inoltre, di aver ottenuto una nuova opportunità di volo per la nostra Samantha Cristoforetti.'.

I Consigli ministeriali dell'ESA sono appuntamenti triennali nei quali si decidono le attività e gli stanziamenti finanziari per i programmi dei prossimi anni dell'Agenzia europea. Il nostro paese è il terzo contributore dell'ESA. L'appuntamento di Siviglia si è mostrato sin dall'inizio come momento fondamentale di passaggio per un nuovo sviluppo e posizionamento anche dell'Europa su strade rinnovate in vista della grande competizione internazionale che in questo settore è divenuta altamente competitiva. I rappresentanti dell'ESA hanno espresso una forte volontà di confermare e rafforzare il ruolo del nostro continente in campo spaziale. Si tratta della base essenziale che riconosce il comparto sempre più un elemento fondamentale di crescita economica e produttiva dell'economia in generale, la cosiddetta Space economy.