Esce 'Il libro nero della Repubblica italiana', pubblicato da Chiarelettere, un affresco di trent'anni di storia del doppio Stato

·3 minuto per la lettura

L'8 maggio scorso, nel Giorno della memoria dedicato alle vittime del terrorismo, il Capo dello Stato Sergio Mattarella, in un'intervista rilasciata a un grande quotidiano nazionale, parla -a decenni di distanza dalle tragedie degli Anni Settanta- di "ombre, spazi oscuri, complicità non pienamente chiarite", che "ci sono ancora". Da qui, insiste il Presidente, "un'esigenza fondamentale per la Repubblica" è "la completa verità", un bisogno di giustizia laddove non tutte le responsabilità sono state scoperte e sanzionate. Ma soprattutto un bisogno di comprensione.

"Perché capire -spiegano all'Adnkronos Mario José Cereghino e Giovanni Fasanella, studiosi, storici e giornalisti- è la premessa per non rivivere mai più quell'esperienza, che non solo ha comportato un altissimo costo in termini di vite umane, ma che ha contribuito a ridimensionare le prospettive di crescita del nostro Paese e il suo ruolo nella scena internazionale".

Quelle ombre, quegli spazi oscuri, quelle complicità non ancora chiarite, a cui alludeva Mattarella, sono infatti esattamente la materia di cui è fatto "Il libro nero della Repubblica italiana", di cui sono autori. Il volume 'omnibus' proposto da Chiarelettere, è oggi in uscita; raccoglie insieme -in sequenza cronologica- quattro loro titoli, pubblicati tra il 2010 e il 2020: "Intrigo internazionale", "Il golpe inglese", "Il puzzle Moro", "Le menti del doppio Stato". (segue)

Quegli anni di piombo, che non passano mai

Le analisi documentali dei due ricercatori vengono sostenute e corroborate da quelle di un magistrato, che è stato in prima fila nei principali processi di terrorismo interno e dei suoi legami esteri, Rosario Priore, che ha fatto parte di commissioni internazionali sull'eversione e la criminalità organizzata. Ciò che ne viene fuori è un grande affresco storico, giornalistico e giudiziario di un trentennio di vicende italiane, in cui le tre componenti sono esaminate da punti di vista diversi, trovando ognuna uno spazio proprio e una sintesi fuinale.

Esiste un nesso tra la violenza degli Anni di piombo in Italia e i contesti internazionali? Sì, senza dubbio, sostengono gli autori del libro. E si tratta di "una vera e propria guerra clandestina, combattuta dai nostri stessi alleati inglesi, americani e francesi". Così raccontano la vita del "doppio Stato" Cereghino e Fasanella, dando un quadro preciso, suffragato da una documentazione dettagliatissima, del perché la Repubblica italiana nella sua complessa ed efferata storia - dal secondo dopoguerra a oggi - è stata segnata da terrorismo, tentativi di golpe, servizi segreti deviati e stragi, in un’infinita serie di eventi tragici.

I loro libri sono frutto di anni di ricerche su "fonti di prima mano": documenti ufficiali mai del tutto chiariti, rinvenuti in archivi nazionali e anglosassoni fra i più prestigiosi del mondo, a cominciare da quello britannico di Kew Gardens. Emerge così il filo rosso che lega le inchieste di Priore, da Ustica a Moro, dall’attentato a Giovanni Paolo II alle stragi di origine mediorientale. (segue)

La storia, i processi, l'informazione: un nodo difficile da sciogliere

Dall’indagine si evidenziano "i contesti interni e internazionali, che fecero da sfondo agli Anni di piombo. Ecco apparire il 'grande gioco' sullo scacchiere italiano, in cui guerra fredda tra nemici e guerra segreta tra amici e alleati per il controllo del Mediterraneo (e del petrolio) si sono intersecate fino a sovrapporsi, contribuendo a creare, nella seconda metà del Novecento, il terreno fertile per violenza e terrorismo".

Nessi a lungo negati, misconosciuti o sminuiti, ma che ora cominciano finalmente a essere riconosciuti anche nella discussione pubblica. "Mentre il volume stava andando in stampa -commentano gli autori- in diverse città italiane erano aperte inchieste giudiziarie sull'assassinio di Moro e su tanti altri episodi sia di terrorismo politico, che di terrorismo 'paramafioso'".

Segno, se ancora ci fosse bisogno di conferma, "che la verità sulla stagione di sangue vissuta dal nostro Paese è ritenuta lacunosa dalla stessa magistratura. L'interrogativo però è sempre il medesimo: fino a che punto ci si può spingere con le sentenze giudiziarie?". (di Rossella Guadagnini)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli