ESCLUSIVA - Banca mondiale chiede più fondi per clima, altre crisi -documento

L'atrio della sede della Banca Mondiale a Washington, Usa

WASHINGTON (Reuters) - La Banca mondiale sta cercando di espandere notevolmente le proprie capacità di prestito per affrontare il cambiamento climatico e altre crisi globali e negozierà con gli azionisti, prima delle assemblee di aprile, proposte che includono un aumento di capitale e nuovi strumenti di prestito.

Lo mostra un documento visto ieri da Reuters.

Il documento - inviato ai governi azionisti - segna l'inizio di un processo di negoziazione per modificare la missione e le risorse finanziarie dell'istituto e allontanarlo dal modello di prestito specifico per Paese e per progetto utilizzato fin dalla sua fondazione alla fine della seconda guerra mondiale.

In base al documento, la direzione della Banca mondiale intende presentare proposte specifiche per modificare la sua missione, il modello operativo e la capacità finanziaria, da sottoporre all'approvazione del Comitato di sviluppo congiunto della banca stessa e del Fondo monetario internazionale in ottobre.

Un portavoce della Banca mondiale ha detto che l'intenzione del documento è di fornire dettagli su portata, approccio e calendario dell'evoluzione, con aggiornamenti regolari per gli azionisti e decisioni nel corso dell'anno.

IL RATING AAA RESTERÀ

Secondo il documento, la banca per lo sviluppo esplorerà opzioni come un potenziale nuovo aumento di capitale, modifiche alla struttura del capitale per sbloccare più prestiti e nuovi strumenti di finanziamento come garanzie per i prestiti al settore privato e altri modi per mobilitare più capitale privato.

Ma il Gruppo della Banca mondiale (Wbg) non è pronto a piegarsi alle richieste di alcune organizzazioni no-profit di abbandonare il proprio rating di lunga data per aumentare i prestiti, sostenendo che: "La direzione esplorerà tutte le opzioni per aumentare la capacità del Wbg mantenendo il rating AAA delle entità del Gruppo".

La segretaria al Tesoro Usa, Janet Yellen, ha chiesto alla Banca mondiale e ad altri enti di rinnovare i propri modelli di business per incrementare i prestiti e sfruttare il capitale privato per finanziare investimenti di più ampio beneficio per il mondo, ad esempio per aiutare i Paesi a medio reddito ad abbandonare l'uso del carbone.

Nessun commento sul documento della Banca Mondiale da parte di un portavoce del Tesoro statunitense.

La banca ha aggiunto che le proposte in esame includono limiti di prestito più elevati, requisiti più di equity-to-loan e l'uso di capitale richiamabile - denaro promesso ma non versato dai governi - per i prestiti.

Secondo gli esperti allo sviluppo, questo cambiamento aumenterebbe notevolmente la quantità di prestiti rispetto all'attuale struttura del capitale, che utilizza solo il capitale versato.

"Le sfide che il mondo sta affrontando richiedono un massiccio aumento del sostegno da parte della comunità internazionale", si legge nel documento. "Per continuare a svolgere un ruolo centrale nella finanza per lo sviluppo e il clima, il gruppo della Banca mondiale avrà bisogno di uno sforzo concertato da parte degli azionisti e del management per aumentare la capacità di finanziamento".

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Francesca Piscioneri)