ESCLUSIVA - Credit Suisse valuta compensazione per investitori Greensill - fonti

di Oliver Hirt e John O'Donnell
·2 minuto per la lettura
Il logo di Credit Suisse presso una filiale a Basilea

di Oliver Hirt e John O'Donnell

(Reuters) - Credit Suisse sta considerando la possibilità di compensare gli investitori colpiti dal crollo dei fondi legati alla società finanziaria insolvente Greensill, secondo quattro fonti a conoscenza della materia, in un tentativo della banca di limitare i danni.

La seconda banca svizzera questo mese ha chiuso fondi del valore di circa 10 miliardi di dollari che avevano comprato titoli da Greensill. Di questi, 3,1 miliardi sono già stati ripagati e oltre 1,2 miliardi di liquidità rimangono nei fondi, lasciando in essere più di 5 miliardi di dollari.

Mentre Credit Suisse spera di poter recuperare di più, il fatto che stia considerando di compensare gli investitori nei fondi sottolinea il timore che la debacle della banca possa vedere la fuga dei clienti ultraricchi, secondo tre delle fonti.

"I soldi dovranno affluire" ha detto a Reuters una persona con conoscenza diretta delle discussioni interne alla banca. "Gli investitori saranno compensati. È inevitabile. Sarà difficile".

Il costo totale dell'operazione deve essere ancora definito, ma "c'è sul tavolo una proposta per accollarsi circa il 50% delle perdite".

Una delle fonti ha specificato che i piani di compensazione sono discussi anche con l'authority di supervisione finanziaria Finma, che guarda con attenzione che Credit Suisse non esaurisca le sue risorse finanziarie.

Il management di Credit Suisse ha ben chiaro che lasciare i clienti a se stessi nel corso di quello che sarà con ogni probabilità un processo di ripresa abbastanza lungo danneggerebbe le relazioni con la clientela e potrebbe in ultima analisi portare a forti deflussi dei 1.600 miliardi di dollari che la banca gestisce.

"Non commentiamo le speculazioni del mercato" ha detto una portavoce della banca ieri.

Nella sua ultima relazione annuale, la banca afferma che alcuni investitori hanno minacciato azioni legali sulla vicenda Greensill e ha ammesso una "considerevole incertezza" riguardo il valore "di una parte significativa degli asset rimanenti".

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)