ESCLUSIVA - Escalation Putin in Ucraina è "pericolosa e sconsiderata" - Stoltenberg (Nato)

Jens Stoltenberg, segretario generale della Nato, a Bruxelles

(Aggiunge Nato nel titolo)

NEW YORK (Reuters) - La mobilitazione di migliaia di riservisti da parte del presidente russo Vladimir Putin per portare avanti la guerra in Ucraina farà aumentare il conflitto e la sua minaccia di usare le armi nucleari è "una retorica pericolosa e sconsiderata", ha detto il segretario generale della Nato.

Jens Stoltenberg ha detto in un'intervista all'editor in chief di Reuters Alessandra Galloni che la prima mobilitazione della Russia dalla seconda guerra mondiale non è stata una sorpresa, ma che inasprirà il conflitto iniziato con l'invasione dell'Ucraina il 24 febbraio.

Secondo Stoltenberg le mosse di Putin dimostrano "che la guerra non sta andando secondo i suoi piani" ed è chiaro che il presidente russo ha fatto "un grosso errore di calcolo".

Putin ha richiamato 300.000 riservisti per combattere in Ucraina e appoggia il referendum per annettere parti del Paese, lasciando intendere all'Occidente di essere pronto a usare armi nucleari per difendere la Russia.

"Faremo in modo che a Mosca non ci siano equivoci su come reagiremo. Naturalmente dipende dal tipo di situazione o dal tipo di armi che potrebbero usare. La cosa più importante è evitare che ciò accada ed è per questo che siamo stati così chiari nelle nostre comunicazioni con la Russia sulle conseguenze senza precedenti", ha detto Stoltenberg, riferendosi all'eventuale uso di armi nucleari da parte di Mosca.

L'annuncio ha fatto seguito all'aumento delle perdite e delle battute d'arresto sul campo di battaglia per le forze russe, che sono state cacciate dalle aree che avevano conquistato nel Nord-Est dell'Ucraina, e sono impantanate a Sud.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Francesca Piscioneri)