ESCLUSIVA - Ue, banche dovranno giustificare compensazione derivati euro a Londra

·1 minuto per la lettura
Moneta da due euro fotografata vicino a una banconota di sterlina

LONDRA (Reuters) - Le grandi banche europee dovranno giustificare le ragioni per cui non possono spostare la compensazione dei derivati denominati in euro, per un valore di diversi miliardi, da Londra all'Unione Europea.

Lo si legge in un documento Ue visto da Reuters.

I clearer in Gran Bretagna hanno il permesso dell'Unione di continuare a compensare per i clienti europei fino a metà 2022, in modo da dare alle banche il tempo di spostare le proprie posizioni in euro sul continente, ma la transizione è stata lenta.

"Il livello corrente di esposizione finanziaria nei confronti delle controparti centrali britanniche solleva una serie di questioni per l'Unione che potrebbero essere risolte da una riduzione dell' esposizione dell'Unione nei confronti delle controparti centrali", si legge in un formulario inviato dalla Commissione europea alle banche.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Roma Francesca Piscioneri, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)