Esiliato ceceno ucciso in Germania, si pensa a coinvolgimento russo

Mos

Roma, 3 dic. (askanews) - L'uccisione di un esiliato ceceno nel cuore di Berlino è considerata una possibile operazione da parte dei servizi russi. Lo scrive la BBC.

Il quarantenne Zelimkhan Khangoshvili è stato ucciso con colpi alla testa da dietro presso il Kleiner Tiergarten della capitale tedesca ad agosto.

Dopo l'assassinio c'è stato un arresto, ma i procuratori federali tedeschi intendono avocare il caso e questo suggerirebbe il fatto che sia da considerarsi legato all'intelligence.