Esito partita Draghi al Quirinale potrebbe avere impatto su euro

·1 minuto per la lettura
Il Premier Mario Draghi a Roma

(Reuters) - - L'esito delle elezioni del presidente della Repubblica in Italia potrebbe avere un impatto sull'euro nelle prossime settimane, con un ruolo chiave giocato dal premier Mario Draghi.

Draghi ha fatto capire che gli piacerebbe diventare presidente, ma non c'è alcuna garanzia che il parlamento, che si riunirà il 24 gennaio per iniziare il voto, lo eleggerà.

Se l'ex numero uno della Banca centrale europea venisse scelto per succedere a Sergio Mattarella, questo porrebbe fine al governo Draghi dopo 11 mesi dal suo inizio e lascerebbe all'Italia la scelta di nominare un nuovo premier o indire elezioni un anno prima del previsto - uno scenario che potrebbe danneggiare l'euro.

Tuttavia, qualsiasi danno in tal senso potrebbe essere mitigato dalla consapevolezza che sarebbe Draghi a supervisionare la situazione, anche se occupando quello che è tradizionalmente un ruolo meno potente, per sette anni.

Al contrario, se la possibile elezione di Draghi al Quirinale venisse accantonata, potrebbe portare benefici all'euro nel breve termine riducendo il rischio di elezioni anticipate, ma rivelarsi nociva al di là di questo abbreviando potenzialmente il suo coinvolgimento nella politica italiana.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli