ESODO, COLDIRETTI: NO PAURA CODE PER chi VIAGGIa in CAMPER -2-

Red/Nav

Roma, 4 ago. (askanews) - La vera ragione che spinge a fare una vacanza in camper è il desiderio - continua la Coldiretti - di godere della libertà e scegliere di visitare mete multiple. La flessibilità - precisa la Coldiretti - è la qualità piu' apprezzata dai camperisti insieme alla possibilità di visitare più luoghi durante il viaggio che consente di fare una esperienza di turismo "integrale" in pochi giorni, ma anche di cambiare idea a seconda delle condizioni del posto o del meteo.

L'offerta turistica Made in Italy - continua la Coldiretti - ha colto questa opportunità e lungo tutta la Penisola sono disponibili servizi, aree di sosta e quasi tremila campeggi al mare, nelle città d'arte, in montagna e anche in campagna. Si stima che in Italia - sottolinea la Coldiretti - siano presenti circa 12mila piazzole di sosta negli agriturismi italiani che sono particolarmente apprezzate dagli amanti della vacanza all'aria aperta come i camperisti.

Molte aziende agrituristiche di Campagna Amica infatti - spiega la Coldiretti - si sono attrezzate con l'offerta di colazioni al sacco o con la semplice messa a disposizione di spazi per picnic, tende, roulotte e camper per rispettare le esigenze di indipendenza di chi ama prepararsi da mangiare in piena autonomia ricorrendo eventualmente solo all'acquisto dei prodotti aziendali. Secondo i dati dell'Apc, nel 2018 si è registrato un +20,3% nel mercato del camper nuovo rispetto al 2017, confermando una continua ascesa.