Esplode un deposito ad Arzano: la grossa nube di fumo è visibile in tutta la provincia

·1 minuto per la lettura
Incendio ad Arzano
Incendio ad Arzano

Alle 7:00 di questa mattina, 15 novembre 2021, ad Arzano, in provincia di Napoli, ha preso fuoco un deposito di casalinghi e bomboniere. L’incendio ha provocato una grossa nube di fumo nera che è ormai visibile in quasi tutto il Napoletano.

Incendio in provincia di Napoli: la zona colpita

Si tratta dell’azienda Fab in via Evangelista Torricelli, da lì è partita la nube di fumo che ha spaventato tutto il comune di Arzano e la zona della provincia di Napoli Nord. Il vento sta ormai trascinando i fumi dell’incendio anche verso il centro della città di Napoli. I cittadini dalle 7:00 avvertono un forte odore acre causato dall’incendio. È ancora ignota la causa dell’incendio.

Non si tratta di un incendio isolato in provincia di Napoli

La provincia di Napoli, spesso tristemente nota per tali incendi, non si trova per la prima volta ad affrontare una situazione spaventosa come quella odierna. I fumi insalubri si respirano sempre più spesso. Nell’ultimo mese ci sono stati diversi incendio causati sempre da fabbriche o depositi. I fumi degli incendi hanno ricoperto intere città, creando panico ed allerta; costringendo i sindaci a chiudere i cittadini in casa con le finestre completamente sigillate.

Il commento di Borrelli sull’incendio in provincia di Napoli

Il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli non è rimasto indifferente a questa vicenda ed ha commentato in questo modo: “È davvero improbabile che tutti questi incendi che stanno colpendo aziende del nostro territorio siano frutto soltanto di coincidenze. Chiediamo alle autorità e alla magistratura di accendere un riflettore su questo fenomeno e di aprire un fascicolo. Questi roghi tossici stanno avvelenando la nostra terra e a farne le spese sono i cittadini”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli