Esselunga, Coop, LIDL, Conad, Pam: gli italiani preferiscono gli snack salati

Primo Piano
·2 minuto per la lettura

È tarallo-mania tra gli italiani. Nell’ultimo anno, nei principali supermercati del nostro Paese, si è registrato un vero e proprio boom di vendite di snack salati. Durante il lockdown, anche in smart working, non abbiamo perso l'abitudine di concederci una pausa lavorativa, per gustarci merende non più prevalentemente dolci.

LEGGI ANCHE: Ikea e Too Good To Go insieme contro lo spreco: così le polpette non verranno buttate

Lo spuntino è infatti sempre più spesso salato, meglio ancora se bio o con farine integrali. Barrette di frutta secca, taralli e cracker sembrano essere i nuovi must del carrello della spesa: secondo l’ultima ricerca Nielsen, la grande distribuzione organizzata (GDO), specialmente Carrefour, Conad, Coop, Esselunga, Lidl, Pam, Panorama, Unes, ha registrato un +7,9% nella vendita di questi prodotti (da gennaio a novembre 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019).

GUARDA ANCHE - Vaccari (Esselunga): “Sul packaging lavoriamo in ottica ecodesign”

Inoltre, da una recente indagine di Osservatorio Food in collaborazione con Doxa-Bva, è emerso che il bakery salato è il più desiderato: il 55% del campione intervistato sceglie infatti i sostitutivi del pane per il fuori pasto. Molto apprezzate le proposte innovative soprattutto in chiave salute a tavola, anche se le versioni classiche di cracker, taralli e grissini hanno mantenuto bene le proprie posizioni.

LEGGI ANCHE: Da LIDL a Esselunga, da Carrefour a Coop: tanti marchi uniti contro lo spreco del cibo

L'indagine, realizzata in crowdsourcing dal 2 all'8 dicembre 2020, a poco più di un anno dalla precedente edizione, evidenzia che in sette insegne della distribuzione moderna si è ampliato lo spazio dedicato a cracker, taralli, grissini e simili: risulta lungo mediamente 12 metri (a fronte degli 8,79 dello scorso anno).

Ma perché gli snack salati hanno così tanto successo? Il 49% dei consumatori afferma di apprezzare il fatto che siano confezionati e quindi monouso anche on the road. E chi sono i consumatori più affezionati? La ricerca attesta che il grande pubblico dei sostitutivi del pane è femminile: il 26% del campione è costituito da donne che consumano snack ogni giorno e non come sostitutivo del pranzo, ma come fuori pasto, contro il 21% degli uomini.

GUARDA ANCHE - Come risparmiare 1700 euro l’anno al supermarket