Estate, Tci: il Trentino-Alto Adige è la meta preferita -2-

Rus

Roma, 19 set. (askanews) - Dai questionari sull'estate 2019 emerge che le vacanze sono ormai molto dinamiche: il 38% delle persone, infatti, ha dichiarato di aver fatto un tour, e il 32%, pur avendo scelto un unico luogo dove dormire, ha effettuato escursioni in giornata in altre località. Si tratta di un aspetto molto coerente con le motivazioni che spingono le persone a partire: il desiderio di scoprire e conoscere posti nuovi (46%), infatti, precede di qualche punto il relax (43%). Molto meno rilevante invece (11%) la focalizzazione esclusiva sull'attività fisica (sport, escursionismo ecc.).

In vacanza i turisti hanno bisogno di informarsi: si tratta, però, di esigenze che soddisfano ormai in modo autonomo grazie a smartphone e tablet (65%; possibili più risposte) o attraverso strumenti più tradizionali come le guide turistiche cartacee (42%). Molto più ridotto invece l'utilizzo dei servizi di informazione territoriale (APT, IAT ecc.) cui si è rivolto solo il 24% delle persone. Rispetto all'estate 2018, si riscontra una stabilità nell'utilizzo dei dispositivi digitali e, parallelamente, un lieve decremento dell'uso di strumenti tradizionali come guide cartacee e infopoint.

Con riferimento specifico alla mobilità, circa il 15% dei rispondenti ha utilizzato un servizio di noleggio auto durante la vacanza: tra questi, la maggior parte (54%) ha prenotato direttamente tramite il sito web delle compagnie di autonoleggio, seguito a distanza da quelli dei comparatori (28%). Meno rilevante il ricorso diretto all'agenzia fisica sul territorio (19%). Per quanto riguarda la tipologia di auto noleggiata, la stragrande maggioranza (88%) sceglie veicoli con dotazione standard senza particolari optional. Tra i servizi più richiesti per l'autonoleggio (possibili più risposte), il chilometraggio illimitato è quello che attira più interesse (74%) e secondariamente (63%) le assicurazioni addizionali. Minor interesse, invece, per il wi-fi (7%).(Segue)