Estradato tunisino, faceva proselitismo per Isis sui social

webinfo@adnkronos.com

Aymen Fathali, tunisino ricercato dall'inizio del 2019, è, arrivato questa mattina all’Aeroporto internazionale di Roma Fiumicino dove è stato arrestato dai carabinieri del Ros e dalla Polaria, in esecuzione di un mandato di arresto europeo emesso il 28 gennaio 2019 dal gip di Palermo. Fathali, localizzato in Germania sulla scorta delle informazioni fornite dal Ros, e oggi estradato, era ricercato poiché si era sottratto all’esecuzione di un fermo di indiziato di delitto emesso dalla procura distrettuale di Palermo nei suoi confronti e di altri 14 indagati, ritenuti a vario titolo responsabili di istigazione a commettere più delitti in materia di terrorismo, associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e al contrabbando di sigarette, plurimi episodi di ingresso illegale di migranti clandestini nel territori nazionale ed esercizio abusivo di attività di intermediazione finanziaria.  

L’indagine denominata 'Abiad' aveva permesso di individuare un'organizzazione criminale transnazionale prevalentemente formata da cittadini tunisini e particolarmente dinamica nell’organizzazione, in cambio di ingenti corrispettivi di denaro contante, di traversate di ristretti gruppi di tunisini dalle coste maghrebine a quelle trapanesi, attraverso trasporti marittimi con natanti off-shore, capaci di garantire trasferimenti rapidi e tendenzialmente in grado di eludere gli ordinari dispositivi di controllo. 

L’associazione, stabilmente attiva in territorio italiano e tunisino attraverso una rete logistica alimentata con gli ingenti proventi delle attività illecite, curava anche l’espatrio dalla Tunisia di ricercati dalle locali autorità e forze di Polizia e incrementava i propri illeciti guadagni implementando la condotta delittuosa con costanti attività di contrabbando di tabacchi lavorati esteri, distribuiti nel territorio palermitano attraverso la preziosa mediazione di associati italiani. 

Gli ingenti guadagni ricavati dalla struttura associativa, dopo essere confluiti nella 'cassa comune' dell'organizzazione custodita da partecipi precipuamente incaricati allo scopo dai vertici dell’organizzazione, venivano in parte riutilizzati per il rifinanziamento della struttura operativa e logistica, tra l’altro per l’acquisizione di nuovi natanti in caso di fuori uso e sequestro dovuto alle attività repressive delle forze di polizia ovvero per il pagamento delle spese legali dei membri sottoposti a processo, e in altra considerevole parte per alimentare e gestire l’attività d’intermediazione finanziaria esercitata abusivamente nei confronti dei connazionali tunisini. 

In tale quadro, le indagini svolte avevano consentito di acquisire diretto riscontro delle attività delittuose perpetrate, in particolare permettendo di rintracciare, fermare e identificare alcuni gruppi di clandestini trasportati via mare in territorio trapanese. 

La gestione di tali illeciti servizi di trasporto da parte dell’organizzazione indagata (connotati da innovative e peculiari modalità di realizzazione, quali rapidità di trasferimento, selezione ed esiguità dei gruppi trasportati), oltre ad alimentare i gruppi di clandestini presenti sul territorio nazionale, aveva rappresentato una più grave minaccia alla sicurezza dello Stato in ragione delle posizioni radicali pro 'Daesh' rilevate in capo a un esponente di vertice dell'organizzazione. 

Infatti, le attività d’indagine, effettuate anche attraverso un mirato monitoraggio di alcuni profili social, avevano permesso di verificare che uno degli indagati, oltre a svolgere mansioni direttive dell'organizzazione e a custodirne la 'cassa comune', gestiva, attraverso lo strumento informatico, un'intensa attività d’istigazione e di apologia del terrorismo di matrice islamista, inserendosi nel network globale della propaganda e promuovendo gli efferati messaggi dell’organizzazione terroristica 'Daesh'. 

Questo indagato, operando in perfetta coerenza con le attuali caratteristiche della cosiddetta 'Jihad 2.0', che vede nell’operatività dei 'mujaheddin virtuali' un formidabile strumento di radicalizzazione delle masse e propaganda dei dettami del terrore di matrice islamista, si adoperava per la diffusione e condivisione tramite social network di documenti e di materiale video-fotografico volti al proselitismo e alla promozione dello Stato Islamico 'Daesh'. 

L’uomo, risultato in grado di sollecitare i fruitori dei messaggi alla condivisione dei macabri ideali promossi dalla rete globale del terrorismo, ha perpetrato detta condotta apologetica e istigatrice tramite una pluralità di fittizie identità virtuali, al fine di tentare di sfuggire ai consueti strumenti di controllo. Attraverso i vari profili riconducibili all’indagato, oltre alla diffusione dei descritti efferati messaggi, erano chiaramente esaltate le più crudeli attività terroristiche condotte in Tunisia, Iraq, Siria, Medioriente, Europa e Stati Uniti, così come erano curati i contatti con altri profili di altri utenti impegnati nella promozione delle medesime attività terroristiche. 

In questo contesto, la pericolosità dell'organizzazione era anche esponenzialmente amplificata in ragione del fatto che i proventi custoditi nella 'cassa comune' dell’organizzazione potevano anche essere utilizzati per fini diversi rispetto a quelli strettamente connessi alle attività delittuose perpetrate dalla associazione criminale transnazionale. Le risorse economiche in parola venivano infatti in parte occultate in proprietà immobiliari e in altra parte depositate in banche tunisine su conti fittiziamente intestati a persone residenti in Tunisia, circostanza questa che, per quanto emerso grazie alle intercettazioni svolte, avrebbe suscitato l’attenzione del Battaglione Anti-Terrorismo Tunisino che starebbe svolgendo delle investigazioni volte ad accertare la finalità di sospette operazioni finanziarie che vedrebbero coinvolto uno degli odierni fermati. 

Dalle indagini svolte è anche emerso che l'organizzazione criminale, dopo alcuni interventi repressivi subiti sia in Tunisia che in Italia, si è sempre dimostrata in grado di rigenerare la propria struttura logistica attraverso l’acquisizione di nuovi recapiti cellulari fittiziamente intestati a terzi e da destinare alle comunicazioni riservate tra gli associati, il reperimento-acquisto di nuovi potenti natanti off-shore da utilizzare per gli illeciti servizi di trasporto e il ripristino dei canali di commercializzazione dei tabacchi contrabbandati dalla Tunisia, attività questa ultima operata con la preziosa collaborazione di fedeli sodali palermitani. 

L’operazione Abiad, volta alla disarticolazione della descritta organizzazione criminale dimostratasi potenzialmente capace, nel corso delle indagini, di trasferire dalla Tunisia all’Italia e viceversa individui e risorse economiche eludendo i consueti strumenti di controllo, ha costituito un significativo contributo al contrasto delle attuali minacce alla Sicurezza Nazionale e ciò anche in considerazione della posizione radicale pro 'Daesh' rilevata in capo a un esponente di vertice dell'organizzazione disarticolata.