Etiopia: scontri in Tigray

Le forze etiopi ed eritree hanno lanciato una massiccia offensiva "congiunta" contro le aree del Tigray al confine con l'Eritrea, hanno affermato le autorità di questa regione ribelle dell'Etiopia settentrionale.

Il governo etiope e i ribelli nella regione del Tigray si sono accusati a vicenda di aver aperto nuovi fronti nel nord dell'Etiopia, una settimana dopo che rinnovati combattimenti avevano infranto una tregua di cinque mesi. Questa possibile estensione del conflitto arriva il giorno dopo un nuovo raid aereo contro la capitale del Tigray, Mekele, il secondo dalla ripresa delle ostilità il 24 agosto, nelle aree delle regioni di Amhara e Afar che circondano la punta a sud-est del Tigray.

Il bilancio di questa guerra è sconosciuto. Ma secondo le Nazioni Unite ha causato lo sfollamento di oltre due milioni di persone e fatto precipitare centinaia di migliaia di etiopi in condizioni di quasi carestia. Il Tigray è stato anche privato di elettricità, telecomunicazioni, servizi bancari e carburante per oltre un anno.