Euro 2012: Abete, calcio aiutera' a far parlare del caso Timoshenko

Roma, 30 apr. - (Adnkronos) - "Il calcio aiutera' a far parlare del caso di Iulia Timoshenko: e' sempre cosi', in occasione dei grandi eventi sportivi si accendono i riflettori anche sulle tematiche sociali dei Paesi che li ospitano. E la Figc e il calcio sono sempre sensibili alla difesa dei diritti umani". E' questa la posizione del presidente della Figc, Giancarlo Abete, sul caso della leader dell'opposizione ucraina in carcere.

Ribadendo la "sensibilita'" verso determinate questioni da parte della Federazione, Abete sottolinea che "il nostro punto di riferimento e' il Coni. Noi, come le altre federazioni - afferma Abete - dipendiamo dal Comitato olimpico, che a sua volta ha come principali interlocutori la presidenza del Consiglio e il ministro dello Sport. Con il Coni c'e' totale sintonia e siamo pronti ad attuare qualsiasi iniziativa che ci venisse chiesto di prendere".

Secondo Abete il prossimo Europeo puo' essere una occasione per porre l'attenzione mondiale sul caso Timoshenko. "Credo che il calcio e lo sport, in occasione di un grande evento in un determinato Paese, siano molto utili - sostiene il presidente della Figc - perche' l'attenzione tocca anche problematiche politiche e sociali o questioni legate ai diritti umani che altrimenti restano in ombra. Lo si e' visto anche con i Giochi olimpici di Pechino 2008. Come Figc abbiamo sempre grande attenzione per quanto avviene in un Paese dove si svolge un evento che ci coinvolge, come accade in questo caso in Ucraina per la vicenda dell'ex premier in carcere da mesi".

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno