Euro 2020, contro gli Azzurri in ginocchio Casapound modifica murale antirazzista: "Resta in piedi Italia"

·1 minuto per la lettura
Il murale, prima e dopo (Photo: ANSA)
Il murale, prima e dopo (Photo: ANSA)

La notte scorsa attivisti del Blocco Studentesco, il movimento scolastico di Casapound, hanno modificato il murales dell’artista Harry Greb sostituendo il giocatore azzurro inginocchiato per il Black Lives Matter con il manifesto dei Mondiali di Italia ’34 che rappresentava un calciatore in piedi e il braccio teso.

Dall’opera di via dei Neofiti, dunque, sparisce la figura con la scritta “Do the right thing” (“Fai la cosa giusta”) sulla maglia azzurra per far posto all’altra immagine di un giocatore con la scritta “Resta in piedi Italia”.

″La nostra è una provocazione per dire che l’invito a inginocchiarsi, fatto anche da tanti politici del Pd, non c’entra nulla con il razzismo ma è solo una richiesta di sottomissione al nostro popolo - dice all’Adnkronos Luca Marsella, consigliere del X Municipio di Casapound - Il calcio deve stare fuori da queste logiche. Alla vigilia della partita Italia-Belgio di stasera, i ragazzi di Blocco studentesco hanno deciso di coprire il murale, protagonista di tanti interventi e interviste di politici, con un manifesto degli anni ’30 per dire che i nostri giocatori non si devono inginocchiare ma devono restare in piedi e speriamo anche sia di buon auspicio, visto che gli anni ’30 furono un periodo glorioso per l’Italia ai mondiali di calcio″.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli