Euro 2020, governo vieta ingresso a Stadio Olimpico per tifosi inglesi

·1 minuto per la lettura
Visuale esterna dello Stadio Olimpico di Roma

LONDRA (Reuters) - I tifosi in arrivo in Italia dalla Gran Bretagna per i quarti di finale Euro 2020 tra Inghilterra e Ucraina, previsto sabato, non potranno entrare allo Stadio Olimpico di Roma, pur avendo un biglietto, a causa delle restrizioni anticovid.

Lo ha comunicato l'ambasciata italiana a Londra.

La vittoria dell'Inghilterra contro la Germania nell'incontro avvenuto martedì ha preparato la strada verso lo Stadio Olimpico, ma i tifosi che vorranno viaggiare in Italia dalla Gran Bretagna non potranno sedere sugli spalti.

"Chiunque sia stato in Gran Bretagna negli ultimi 14 giorni, al di là della nazionalità o della residenza, non avrà accesso allo stadio, anche se in possesso di un biglietto", si legge in un comunicato.

"Solo coloro che avranno dimostrato di essere arrivati in Italia almeno nei sei giorni precedenti, di aver passato cinque giorni di quarantena e di aver ottenuto un risultato negativo al test per il Covid-19, avranno accesso allo Stadio Olimpico", ha aggiunto l'ambasciata.

"...I tifosi residenti nel Regno Unito quindi non dovrebbero viaggiare in Italia per assistere all'incontro di sabato allo Stadio Olimpico di Roma", si legge nella nota.

L'Italia è sulla lista 'ambra' della Gran Bretagna, mentre dal 21 giugno il governo italiano ha imposto misure di quarantena più restrittive per i soggetti in arrivo dalla Gran Bretagna.

Il nuovo avviso ai viaggiatori giunge dopo che la Federazione calcistica dell'Inghilterra ha annunciato che "non venderà biglietti attraverso l'England Supporters Travel Club per questo incontro", a causa delle restrizioni agli spostamenti.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Roma Francesca Piscioneri, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli