Euro-Ib: "Mai condotto operazioni commerciali con società russe"

webinfo@adnkronos.com
“Nessuna operazione commerciale è mai stata condotta da Euro-Ib con alcuna società russa, dunque nemmeno con Gazprom e Rosneft”. Risponde così alle domande dell’Adnkronos Alexander von Ungern-Sternberg, amministratore delegato e fondatore di Euro-Ib, la banca d’investimento con sede principale a Londra che, secondo la ricostruzione de 'L’Espresso', avrebbe fatto da intermediario nella presunta trattativa per la compravendita di petrolio di cui si discusse all’hotel Metropol nella persona di Gianluca Meranda, l’avvocato indagato per corruzione internazionale nell’inchiesta della procura di Milano. "Meranda era per noi una potenziale fonte di operazioni commerciali, ma nessun affare è mai stato concluso e né lui né il suo studio legale sono mai stati pagati da Euro-Ib'', ha aggiunto Alexander von Ungern-Sternberg. Il banchiere ribadisce che ''Meranda era un nostro consulente legale a chiamata e su base non esclusiva'' e che ''il contratto con lui è scaduto nel luglio 2017''. Sulle eventuali azioni legali da portare avanti contro Meranda, Sternberg spiega che ''al momento non ne abbiamo ancora intrapresa alcuna, stiamo controllando i fatti e ci riserviamo il diritto di farlo''. E fa sapere che ''il nome di Gianluca Meranda sarà rimosso oggi dal sito di Euro-Ib. Agiamo solo ora a causa di un ritardo del gestore del sito''.

“Nessuna operazione commerciale è mai stata condotta da Euro-Ib con alcuna società russa, dunque nemmeno con Gazprom e Rosneft”. Risponde così alle domande dell’Adnkronos Alexander von Ungern-Sternberg, amministratore delegato e fondatore di Euro-Ib, la banca d’investimento con sede principale a Londra che, secondo la ricostruzione de 'L’Espresso', avrebbe fatto da intermediario nella presunta trattativa per la compravendita di petrolio di cui si discusse all’hotel Metropol nella persona di Gianluca Meranda, l’avvocato indagato per corruzione internazionale nell’inchiesta della procura di Milano. 

"Meranda era per noi una potenziale fonte di operazioni commerciali, ma nessun affare è mai stato concluso e né lui né il suo studio legale sono mai stati pagati da Euro-Ib'', ha aggiunto Alexander von Ungern-Sternberg. Il banchiere ribadisce che ''Meranda era un nostro consulente legale a chiamata e su base non esclusiva'' e che ''il contratto con lui è scaduto nel luglio 2017''. Sulle eventuali azioni legali da portare avanti contro Meranda, Sternberg spiega che ''al momento non ne abbiamo ancora intrapresa alcuna, stiamo controllando i fatti e ci riserviamo il diritto di farlo''. 

E fa sapere che ''il nome di Gianluca Meranda sarà rimosso oggi dal sito di Euro-Ib. Agiamo solo ora a causa di un ritardo del gestore del sito''.