"Euroburocrati preparate gli scatoloni". Matteo Salvini contro Verhofstadt per gli attacchi a Strasburgo al premier Conte

Huffington Post

Il premier Giuseppe Conte attaccato duramente al Parlamento Ue, definito in Aula a Strasburgo "burattino" di Salvini e Di Maio dal leader dei liberali dell'Alde, Guy Verhofstadt e preso di mira anche da Udo Bullman, leader dei Socialisti e Democratici. Immediata la reazione italiana: "Che alcuni burocrati europei, complici del disastro di questi anni, si permettano di insultare il presidente del consiglio, il governo ed il popolo italiano è davvero vergognoso. Le élite europee contro le scelte dei popoli. Preparate gli scatoloni, il 26 maggio i cittadini finalmente manderanno a casa questa gente", ha risposto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, alle parole del leader dei liberali dell'Alde, Guy Verhofstadt.

Anche i 5 Stelle criticano duramente le parole pronunciate in aula contro il premier Conte: "Non basta saper parlare in italiano per essere amici del popolo italiano. L'intervento al parlamento europeo di Guy Verhofstadt è stato offensivo e privo di contenuti. Non accettiamo nessuna lezione da chi, come dimostra uno studio commissionato da tre ong europee è a libro paga di multinazionali e comitati d'affari. Verhofstadt stesso ha dichiarato di far parte di sette fra comitati e consigli di amministrazione. Chi è allora il burattino?".

Lo stesso premier, nella sua replica, risponde a tono: "C'è stato addirittura un capogruppo che mi ha dato del burattino. Io burattino non lo sono e non mi sento. Sono orgoglioso di rappresentare un intero popolo e la voglia di cambiamento del popolo italiano. Forse i burattini sono coloro che rispondono a lobby, gruppi di potere e gruppi di affari. Alcuni interventi non andrebbero commentati, perché hanno pensato di offendere non solo il sottoscritto ma l'intero popolo che rappresento".

In aula Udo Bullmann di S&D aveva dichiarato: "Non è questa l'Italia che conosciamo, l'Italia che conosciamo è quella di Spinelli", ha detto riferendo del suo recente viaggio a Catania durante lo stallo sulla Sea Watch e...

Continua a leggere su HuffPost