All’Euroflora di Genova il principe Alberto di Monaco

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 23 apr. (askanews) - "Una bella giornata, anche se il tempo è velato. Euroflora ha aperto i battenti a tutti i visitatori oltre che all'ospite di eccezione della città di Genova, il principe Alberto di Monaco", lo ha detto il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, questa mattina in occasione dell'apertura al pubblico di Euroflora con la visita del principe Alberto di Monaco. Nel corso della visita alla mostra florovivaistica è stata donata al principe la "Rosa di Genova", una rosa che richiama per colori la "Rosa di Grace", che fu inventata da Euroflora molto tempo fa, in onore della principessa; nel pomeriggio, invece, la consegna al principe della cittadinanza onoraria.

"Il rapporto tra Monaco e la Liguria - ha sottolineato Toti - è sempre più stretto e la storia dei nostri territori è molto legata, gli investimenti di Monaco nel ponente ligure sono imponenti: dal porto di Ventimiglia ai nuovi sviluppi immobiliari nelle cave al confine che riconsegneranno un pezzo di territorio degradato. Quindi siamo contenti di avere qui il Principe Alberto, e non per caso siamo nella villa, nei parchi, che richiama il nome della sua famiglia".

"Questo - ha concluso il presidente di Regione Liguria - è un momento di assoluta visibilità con Euroflora che apre oggi i battenti; riprenderemo il 6 maggio i fuochi di artificio che purtroppo questa sera sono stati sospesi a causa del tempo. E facciamo un grande in bocca al lupo a chi sta regatando qui davanti nella prima grande regata di stagione".

La visita del principe Alberto è poi proseguita all'ospedale pediatrico Giannina Gaslini e nella casa della Banda degli Orsi, associazione di volontariato che è accanto ai genitori e ai bambini ricoverati.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli