Europa: 76 milioni di videogiochi venduti nel 2022, Elden Ring batte FIFA

(Adnkronos) - Nella prima metà dell'anno sono stati venduti 76.1 milioni di videogiochi in Europa, 44 milioni dei quali in versione digitale: sono i dati di un'indagine di mercato di GSD Market Data, che parlano di un aumento del 13,5 per cento del mercato rispetto all'anno precedente. I risultati tengono conto dei dati di vendita ufficiali dei distributori ed editori tripla A sia nel mercato fisico che digitale (anche se in quest'ultimo non figura Nintendo, che non fornisce dati sulle sue vendite online). Il mercato numero uno in Europa per i videogiochi è la Germania, con 15,4 milioni di vendite, seguita dal Regno Unito con 14,3 milioni. Elden Ring è stato il gioco più venduto: il titolo di From Software ha letteralmente trainato l'industria, sebbene Leggende Pokémon Arceus sia terzo in classifica nonostante non sia stato possibile conteggiare le vendite sullo store digitale. In Italia e in Spagna sul podio rimane FIFA 22, che non è stato scalzato da nessuna delle nuove uscite.

Crollo del 22 per cento nella vendita delle console, principalmente a causa delle difficoltà nel reperire le nuove PS5 e Xbox Series X nei negozi. Sono state vendute solo 2 milioni di macchine in sei mesi. PS5, in particolare, ha visto un crollo delle vendite del 44 per cento, mentre Xbox Series X e S sono salite, complessivamente, del 9 per cento. Anche il mercato degli accessori è calato, con 8,6 milioni di prodotti venduti, il 4,2 per cento in meno rispetto all'anno precedente. L'accessorio più venduto è stato il controller di PS5, DualSense. Infine, per quanto riguarda le carte prepagate per servizi online su console, i più popolari sono quelle con credito per il PlayStation Store. In tutto, sono state vendute 10,2 milioni di card. Di seguito, la classifica dei videogiochi più venduti nei primi sei mesi dell'anno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli