Europa, Amnesty: non criminalizzare chi aiuta i migranti -5-

Red/Coa

Roma, 3 mar. (askanews) - "È fondamentale che le autorità italiane diano un segnale inequivocabile, abrogando e ritirando le disposizioni che limitano e ostacolano il lavoro delle Ong impegnate nelle attività di ricerca e soccorso e modificando la legislazione per garantire che l'ingresso irregolare nel territorio dello Stato non sia trattato come un reato. Il primato del diritto alla vita, del diritto a chiedere asilo, del diritto a vivere dignitosamente senza discriminazioni, che poggiano tutti sul principio di solidarietà tra gli esseri umani, va riaffermato senza mezzi termini", ha dichiarato da parte sua Ilaria Masinara, Migration and Discrimination Campaign Manager di Amnesty International Italia.

Amnesty International ribadisce l'importanza di modificare le leggi nazionali e dell'Ue in materia di favoreggiamento dell'ingresso, del transito e del soggiorno irregolari per impedire che siano utilizzate per punire atti di solidarietà e umanità.